Ciniero: logiche Cams per Ibm e per i suoi Business Partner

Parla l’amministratore delegato della filiale italiana della società. Cloud, analytics, mobile e social sono i quattro driver che guidano la strategia. E se i server x86 andranno a Lenovo, SoftLayer è il nuovo top asset.

Va subito al sodo, Nicola Ciniero, presidente e amministratore delegato di Ibm Italia, e in apertura dell’evento annuale dedicato ai Business Partner della società affronta il tema più spinoso: la cessione del business del server X86 a Lenovo.
”L’accordo potrebbe essere formalizzato nel corso dell’estate - spiega - e gli asset resteranno a noi fino alla fine dell’anno. Per cui dobbiamo fare del business su questi prodotti ancora per tutto il 2014. Non solo. L’intesa raggiunta non è una replica di quanto avvenne a suo tempo con i pc: Ibm continuerà a sviluppare e manutenere queste linee di prodotti per i prossimi cinque anni. E si è tenuta i patent dei Pure System, che rappresentano un asset fondamentale nell’ottica dello sviluppo di un ecosistema cloud”.

Del resto, è la conclusione cui porta la platea, quando un business diventa commodity Ibm alza la barra, così come ha fatto con le Dram nel 1999, con gli hard disk nel 2002, con i pc nel 2005, con le stampanti nel 2007.

Quanto al mercato, Ciniero da un lato è tranchant: ”Il 2014 è un anno di svolta ed è la prova che il passato non torna. Non solo. È una svolta tale che impone a tutti, a Ibm e a voi partner in primo luogo imprenditori, un ingaggio diverso sul mercato, per poter mantenere un business sostenibile”.

Dall’altro, però, il manager sceglie l’ottimismo.
Non è vero che il mercato è sceso: è vero piuttosto che continuiamo a misurarlo con i vecchi sistemi e le vecchie metriche, dimenticando, ad esempio, quanto è andato all’estero in outsourcing, togliendo di conseguenza punti di fatturato al Paese, o quanto viene acquistato direttamente sui mercati esteri, rimanendo nascosto al mercato nazionale”.
Meglio, dunque concentrarsi sui segnali che dal mercato arrivano.

Il mercato è in crescita, secondo Ciniero
, guidato alla pluralità dei dispositivi e dalla mobilità.
”Non si è mai registrata prima d’ora una disponibilità di device cosi violentemente intelligenti: è però arrivato il momento di abilitare con i contenuti tutta questa intelligenza. Certo, bisogna cambiare direzione, ed è quello che anche Ibm ha fatto e sta facendo, ad esempio nell’area del cognitive computing con il progetto Watson”.

Secondo Ciniero è questo il momento di decidere cosa si vuole fare e dove si vuole stare.

Lo scorso anno Cloud, Analytics, Mobile e Social (Cams secondo l’acronimo usato in tutta la giornata) hanno rappresentato il 35 per cento mercato It italiano e sono destinati ad arrivare al 46 per cento entro i prossimi due anni.
C’è di che riflettere.

Per Ibm il manager indentifica tre obiettivi:
- costruire nuovi mercati trasformando industrie e professioni attraverso i dati, riprendendo in questo caso la vision di Ginni Rometty dei dati come risorsa naturale;
- ricostruire l’it aziendale nell’era del cloud;
- abilitare nuovi sistemi di ingaggio per le imprese, comprendendo che sta cambiando il modo in cui le organizzazioni si mettono in relazione con gli individui e ne comprendono le esigenze.

E in un mondo di logiche diverse, più che i server x86 quel che serve sono le tecnologie che consentono alle imprese di spostare gli investimenti dai capex verso il core business, fruendo quanto più possibile on demand.
Ed è per questo che se da un lato Ibm è pronta a cedere a Lenovo i server X86, dall’altro acquista SoftLayer, che le consente di muoversi in una logica pure cloud, smaterializzando i Capex per trasformarli in Opex.
”Con SoftLayer abbiamo la possibilità di aggredire i nuovi modelli di consumo e indirizzare sia il mercato tradizionale, sia tutto il mondo Cams”.

SoftLayer significa 1,2 miliardi di nuovi investimenti, 40 datacenter, centinaia di configurazioni.
Ciniero mette sul piatto expertise e competenze di un’azienda che da oltre 100 si occupa di sviluppo tecnologico e confronta la proposta di Ibm nel cloud con quella di Amazon: ”Ospitiamo il 30 per cento di siti in più rispetto ad Amazon, 24 delle prime 25 Fortune 500 utilizzano cloud Ibm, abbiamo centiania di configurazione, contro le loro 14, e 2000 Api contro le loro 600”.
E comunque, conclude tornando di fatto al tema della giornata, anche in Italia SoftLayer presuppone l’investimento in un ecosistema di Msp, Isv e business partner focalizzati su aree di mercato a forte crescita, come il mobile, gli analytics e l’ecommerce.
E’ un business per il reseller e anche per i distributori, che possono vendere sia i nuovi servizi sia il bare metal”.
E’ un business da abilitare per chi di mestiere vuol fare l’abilitatore.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here