Home Cloud Disaster recovery e business continuity nel cloud: la parola agli esperti

Disaster recovery e business continuity nel cloud: la parola agli esperti

La forte accelerazione della trasformazione digitale, dovuta all’emergenza coronavirus, ha nel cloud la sua pietra angolare.

Infatti, una strategia cloud ha molteplici vantaggi: è flessibile, scalabile e permette lo smart working.

Tuttavia, la volontà di tornare a produrre senza interruzioni e in tempi brevi comporta dei rischi.

Il cloud computing è una tecnologia abilitante eccezionale, ma la cui sicurezza e stabilità richiede attenta progettazione.

In particolare, un errore comune è pensare al cloud come esente da interruzioni di servizio o perdita di dati.

Inoltre, numerose realtà non comprendono appieno il modello di responsabilità condivisa, ritenendo di poter delegare ad un cloud provider obblighi che invece la legge pone chiaramente a carico delle aziende.

L’importanza centrale delle strategie di disaster recovery

La scelta di appoggiarsi al cloud è spesso determinata dalla certezze in tema di business continuity.

La business continuity è un livello di preparazione aziendale che consente di mantenere operative le funzioni critiche dopo un’emergenza o un’interruzione delle attività.

Tali eventi possono includere violazioni della sicurezza, eventi disastrosi, interruzioni di alimentazione, guasti alle apparecchiature o improvvisa conclusione dell’attività di un dipendente chiave.

Le organizzazioni ripongono grande fiducia nella operatività illimitata dei data center e dei cloud provider.

Una certezza che tuttavia è basata su parametri errati e che spesso non contempla fattori di rischio come il semplice errore umano.

Perciò è fondamentale che la trasformazione digitale di ogni organizzazione non prescinda da un articolato piano di disaster recovery

Cos’è il disaster recovery nel cloud

Il disaster recovery è l’approccio adottato da un’organizzazione per ripristinare l’accesso e la funzionalità della propria infrastruttura cloud in seguito a event avversi, attacchi informatici o errori umani.

Un buon piano di disaster recovery include la documentazione dei sistemi e dei dati assolutamente cruciali per la business continuity, nonché le operazioni necessarie per il ripristino dei dati.

Le strategie e le opinioni dei leader di mercato

Su business continuity e disaster recovery abbiamo raccolto per voi le articolate opinioni dei leader di mercato. Ognuno ha espresso la propria visione ma su un punto tutti concordano: ignorare questo argomento non è affatto consigliabile.

I rischi superano enormemente i benefici.

Ci hanno spiegato tutte questi aspetti alcuni protagonisti della scena tecnologica italiana: Acronis, Amazon Web Services, Microsoft, Nutanix, Rubrik, Veeam e Vmware.

Acronis: perché il disaster recovery non può più mancare nel piano aziendale

Come funzionano business continuity e disaster recovery su Aws

Disaster recovery e business continuity, tecniche di garanzia nel cloud

Business continuity e disaster recovery, meglio farle in cloud

Rubrik, perché è essenziale avere un piano di disaster recovery anche per il cloud

Cloud e gestione dei dati: di chi sono le responsabilità secondo Veeam

Vmware, disaster recovery e sicurezza per le organizzazioni nel cloud

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php