Ibm e Google: un nuovo patto per sostenere i processori Power

Costituito OpenPower Consortium: hardware e software aperti a un modello di open license.

Si chiama OpenPower Consortium ed è una nuova alleanza che vede protagoniste Ibm, Google e un gruppo di alte aziende del mondo tecnologico, incluse Nvidia, Mellanox e Tyan, con l'obiettivo di favorire la diffusione e l'utilizzo della tecnologia Power di Ibm in ambito cloud, server, storage e networking.

In base ai termini dell'accordo sul quale si basa l'associazione, sia l'hardware sia il software, prima di proprietà esclusiva di Ibm, saranno resi disponibili in un'ottica di sviluppo aperto e liberamente licenziabili ad altri.
È chiaro che l'obiettivo è competere sia con Intel sia con Arm e tornare a far crescere un segmento che lo scorso trimestre ha registrato un calo del 25 per cento rispetto allo scorso anno.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here