Nuova infrastruttura virtuale per la competitività di Sia

L’open source di Red Hat ha ridotto del 270% i tempi di elaborazione delle transazioni rispetto alle precedenti misurazioni effettuate sui sistemi fisici.

Decisa a conseguire una maggiore efficienza gestionale e altrettanti benefici economici, Sia ha scelto Red Hat Enterprise Linux e Red Hat Enterprise Virtualization a supporto di alcuni sistemi considerati “mission-critical”.

In un passaggio graduale all’open source, l’operatore europeo che progetta e gestisce infrastrutture e servizi tecnologici nelle aree dei pagamenti, della monetica, dei servizi di rete e dei mercati dei capitali, ha finito per basare circa 200 server fisici e 400 virtuali sulle piattaforme Red Hat Enterprise Linux e Red Hat Network Satellite.

Non solo.

Nel corso del 2013, l’adozione della soluzione Red Hat Enterprise Virtualization ha consentito a Sia, che nello stesso anno ha trasportato in rete 293,3 terabyte di dati gestendo 2,7 miliardi di pagamenti con carte, 2,2 miliardi di bonifici e incassi, 28,6 miliardi di transazioni di trading e post-trading, di migrare a un’infrastruttura dedicata all’erogazione di database.

Tuttora in corso, il passaggio ai nuovi sistemi virtuali ha già ridotto di circa il 270% i tempi di elaborazione delle transazioni rispetto alle precedenti misurazioni effettuate sui sistemi fisici.

Senza dimenticare, come sottolineato in una nota ufficiale, la maggiore flessibilità e semplificazione operativa, che ha comportato una tangibile riduzione dei costi grazie all’utilizzo di tecnologie standard, utili a evitare ogni forma di “lock-in”.

Verso un’infrastruttura sulla nuvola
Nell’ambito della collaborazione con Red Hat, è stato, infine, implementato JBoss Enterprise Application Platform per lo sviluppo di alcune applicazioni e servizi.
Ora, allo studio, vi sarebbe anche l’adozione della piattaforma Red Hat CloudForms in vista della possibile realizzazione di un’infrastruttura cloud.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here