Forse nascerà l’anti-cloud

Marty Kacin, Cto e Co-Fondatore di Dell Kace, dice la sua sull’impatto delle evoluzioni It sulle aziende. E preconizza una nuova mesh, più privata che altro.

Anche Marty Kacin, Cto e co-fondatore di Dell Kace, rileva come i cambiamenti in atto in molte aree It permetteranno agli utenti di accedere a dati aziendali e personali in qualsiasi momento e da qualunque.

Gli abbiamo chiesto di andare oltre questa seppur veritiera constatazione e di approfondire alcuni aspetti della questione.

D: In che modo le aziende potranno far fronte alla diffusione dei dispositivi mobili tra i propri dipendenti?

K: A mano a mano che il numero di dispositivi aziendali e personali continuerà a crescere, l'unica soluzione possibile sarà l'adozione di policy relative alla gestione dei dispositivi stessi. Aziende e istituzioni iniziano solo ora a comprendere l'incubo legato alla gestione di questa miriade di dispositivi mobili, così come di applicazioni e accessi alla rete. La crescente penetrazione del device management più tradizionale condurrà un effetto parallelo di applicazione di misure di sicurezza più innovative a quegli stessi dispositivi.

D: Cosa cambia il cloud computing?

K: Ritengo che la prevalenza di high-performance computing, ampiezza di banda e proliferazione dello storage, sia nella nuvola sia on-premise, darà luogo a una nuova mesh che porterà alla nascita dell'anti-cloud. Consumatori, professionisti e addirittura aziende potranno usufruire di nuove, e locali fonti di cloud private a cui attingere.
Inoltre, la maturità di architetture peer-to-peer insieme a una più sofisticata cifratura offriranno agli utenti il modo per archiviare in maniera sicura i loro dati su reti P2P.
Gli individui non dipenderanno più da un unico punto di storage, traendo beneficio da una maggiore scelta e da una fonte di storage complementare estremamente elastica.

D: Rivoluzioni in vista anche per le reti domestiche?

K: Lo sviluppo di reti domestiche quali Internet Tv e smart Tv farà sfumare la distinzione tra televisione, desktop computing e Internet. La costante evoluzione di queste reti con contenuti disponibili su molteplici dispositivi ridurrà la differenziazione tra Tv e computer, assicurando un più ampio e coerente accesso a tutte le forme di contenuto.

D: I big data obbligano l'It a giocare una partita diversa?

K: Big data e cloud monitoring si scontreranno dando vita a nuove sfide per i team It aziendali, impegnati nella gestione di crescenti quantità di dati salvati su pc, laptop e server, switch, box, device. Le aziende non dovranno solo monitorare e analizzare i dati da un maggior numero di dispositivi fisici e servizi cloud, ma avranno l'esigenza di controllare e comprendere enormi quantità di nuove informazioni provenienti dalla crescita esponenziale di macchine virtuali implementate in una miriade di forme.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here