MWC 2016 – Mobile Wearable Congress

Focus su smart home e connected car, in apertura dell’edizione 2016 Mobile World Congress di Barcellona; smart home e connected car immaginate dal particolarissimo punto di vista del telefonino. Arrivano moltissimi nuovi dispositivi, le cui funzionalità -nuove, ma anche già viste- si materializzano in accessori in modalità controllo e virtuale, ovviamente fuori dal Pc e sempre più dentro ai nuovi ambienti da connettere: si tratta sempre di Internet of Things dentro e fuori dai wearables, che saranno sempre più presenti nel portafogli degli operatori telefonici, insieme ai device stessi.
La kermesse di Barcellona, che ha rinnovato il contratto per ospitare la manifestazione fino al 2023, vede quest'anno impennarsi la penetrazione dei marchi asiatici, a testimonianza dello spostamento ad est dell'asse geo-economico e dei conseguenti riflessi europei.
Un po' di sana chiacchiera si farà sulla trasmissione 5G, certo dovuta all'interno dell'Mwc ma non ancora interessante visto che ancora non si riesce a dare a questo paniere una definizione unica, ma  in molti ritengono che il 2016 sia l'anno dell'hype per questa definizione. Più pragmatico ed altrettanto tecnologico è il ritmo dell'aumento di potenza dei chip per telefonini, che integrano sempre più Gpu  adatte a media nuovi e vecchi, reali o virtuali.
Parlando di device ancora non sono sicure, benché estremamente probabili, sorprese o mezze sorprese come nuovi Zte (il Blade S6, già visto fuori dall'Europa) e Huawei, i modelli a display curvo di Lg (già visto ad Hong Kong).
Incontreranno certamente il pubblico alcuni modelli di punta come l'Htc X9, finora disponibile solo in Cina ed ora acquistabile anche negli States, i Samsung serie S7 e l'Hp Elite X3. Ma il dettaglio di quanto sarà direttamente disponibile in Europa e in Italia arriverà solo nei prossimi giorni.

Proiezioni e virtualità

Della trasformazione del cellulare in Pc fatta proprio da Hp parliamo in un altro articolo, mentre qui riferiamo del rilancio dei proiettori da tasca, come lo standalone Zte Spro Plus o l'integrato Akyumen Holophone, un Windows phablet da 7”.
La realtà virtuale continua la sua penetrazione nel mercato con i visori. Lg ha lanciato il 360 Vr, che si collega allo smartphone modulare G5 tramite la presa Usb-C. Più ampia la portata del Vive, il visore di Htc e Valve, che hanno confermato l'arrivo del loro prodotto in aprile: la buona notizia è il controller per Xbox, la cattiva è che costa parecchio più dell'Oculus Rift.

Immagini dalla sfera

La modularità prende sempre più piede e viene fatta oggetto di uno studio di interaction design sempre più spinto. E' il caso del Rolling Bot ancora di Lg, una sfera con la quale cani e gatti possono giocare anche se al suo interno c'è una fotocamera di sicurezza (e un telecomando le le luci di casa).
Per quanto riguarda la connected car, però, le anticipazioni sono ancora poche: Samsung ha lanciato un dongle di connessione ad Internet e si è alleata con Seat e Sap per esplorare nuove frontiere. Per gli altri annunci non resta che seguire la manifestazione.

Di seguito, una rassegna della principali novità presentate in questi giorni a Barcellona

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here