Intelligenza artificiale e big data nel futuro del finance

Hays_Job_FinanceChiamati dal gruppo Hays a esprimere la propria opinione su quale sarà l’evoluzione del settore finance entro il 2030, un campione di 140 professionisti italiani selezionato dalla realtà globale attiva nel recruitment specializzato ha dettagliato i contorni di un futuro in cui le transazioni economiche avverranno sempre più in tempo reale e big data e intelligenza artificiale saranno alla base di tutte le attività di consulenza finanziaria.

Hays_Filiali
Fonte: Jobs of The Future, Hays Group

Inoltre, nel quadro tratteggiato all’interno di “Jobs of The Future”, per ben il 47 per cento del campione le banche cesseranno di esistere trasformandosi in società It da cui non saranno più concessi crediti, per i quali prenderanno sempre più piede attività come il crowdfunding o il peer-to-peer, mentre un ulteriore 45 per cento degli intervistati afferma che, grazie alla continua evoluzione dello sviluppo digitale, anche l’outsourcing di determinati servizi praticati dalle banche è destinato a tramontare.
Secondo il 93 per cento degli intervistati, infatti, nel giro di quindici anni, grazie a infrastrutture informatiche che permetteranno azioni sempre più veloci e immediate, le tempistiche dei pagamenti subiranno una vera e propria trasformazione “in real time”.

Ma se la digitalizzazione del settore porterà le banche a chiudere definitivamente le proprie filiali fisiche sul territorio e a mutare pelle trasformandosi in società sempre più It, la stessa cosa non avverrà per le professioni che, secondo il 51 per cento del campione, restano un caposaldo del settore finance. Pur in un clima di generale incertezza, infatti, solo il 45 per cento ritiene che i professionisti dell’amministrazione finanziaria verranno sostituiti da specialisti It, mentre un’altra importante conseguenza dell’evoluzione del processo di digitalizzazione sarà la trasparenza.
Entro il 2030, per il 62 per cento dei professionisti interpellati, tutte le operazioni e i flussi di cassa del settore saranno completamente trasparenti su scala globale tanto che, per poco meno della metà del campione, la futura forza lavoro in questo specifico ambito sarà composta solo da professionisti specializzati in Information technology.

Le nuove frontiere tecnologiche

Fonte: Jobs of The Future, Hays Group
Fonte: Jobs of The Future, Hays Group

Convinti per la stragrande maggioranza delle enormi potenzialità offerte dalle nuove frontiere tecnologiche, ben il 71 per cento afferma che, entro il 2030, intelligenza artificiale e big data saranno alla base di tutte le decisioni e le previsioni legate alla consulenza finanziaria, con un evidente condizionamento per la forza lavoro del settore.
In questo scenario, la moneta virtuale sembra riscuotere notevole successo tra i professionisti del settore: più di uno su due non crede, infatti, che, nei prossimi quindici anni, le valute resteranno vincolate come oggi ai singoli Paesi, mentre un ulteriore 43 per cento del campione ritiene, al contrario, salde le valute e crede nel legame tra la moneta e gli Stati che la emettono.

Infine, l’86 per cento degli intervistati concorda sul fatto che la formazione continua dei professionisti sarà fondamentale e necessaria per poter continuare a lavorare in questo settore.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome