Yankee Group: 4,2 miliardi di dollari per il Rfid

La società di ricerca statunitense fa il punto sugli sviluppi del mercato del riconoscimento a radiofrequenza.

14 aprile 2004

La società di analisi Yankee Group ha previsto che per il 2008 nel mondo saranno investiti 4,2 miliardi di dollari in servizi per l'applicazione delle tecnologie a radiofrequenza in azienda.


Una bella cifra, per piccoli dispositivi il cui unico scopo essenziale è quello di contenere dati "di viaggio" ed emettere impulsi, scopo essere rintracciati.


Ma la realtà è che la struttura che ruota attorno a questi piccoli chip genera un volano di attività di integrazione dei dati che ormai non solo è identiificabile, ma anche segmentabile.


Secondo Yankee Group, infatti, che ha condotto una profonda analisi negli Stati Uniti, esistono già tre tipologie nelle quali iscrivere le aziende che si stanno avvicinando all'uso della tecnologia Rfid per le proprie attività gestionali.


Ci sono quelle "compatibili", che, con visione centrista intendono concentrare le funzionalità di integrazione Rfid in un unico grande centro di distribuzione, da cui poi dirigere tutte le operazioni verso le periferie abilitate.


Poi ci sono quelle "conservatrici", che hanno un approccio di chi sta in mezzo al guado, cioè sono disposte sì ad abilitare le periferie dell'organizzazione con funzionalità Rfid, ma in modo non invasivo. Funzioni "light" le chiama Yankee Group, che, a seconda di come le si osservi, è come averle e non-averle.


Infine ci sono le aziende cosiddette "impegnate", cioè quelle disposte a spalmare di Rfid ogni punto di distribuzione della propria organizzazione, puntando a ottimizzare i benefici futuri.


Ovviamente, secondo l'analista, le aziende di questo tipo sono quelle destinate a spendere di più, e calcola che un piano di investimento di successo per una società con un fatturato di 5 miliardi di dollari non dovrebbe essere inferiore ai 30 milioni di dollari.


E i system integrator si fregano le mani.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here