Professioni Ict: torna in scena il Data Manager

"Il 40% della forza lavoro italiana non ha competenze digitali". Lo sostiene Marco Bani, capo della segreteria tecnica dell'Agid, Agenzia per l’Italia digitale, in audizione presso la commissione Lavoro della Camera nell'ambito della discussione sulle conseguenze dello sviluppo dell'innovazione tecnologica sull'occupazione. "Non si deve solo lavorare per creare profili Ict sempre più avanzati, ma anche capire come nella popolazione si possono aumentare queste competenze", ha aggiunto Bani. Qello della mancanza di competenze è uno dei problemi storici dell’Ict italiana che ha ancora molte posizioni scoperte anche con interessanti profili retributivi. Michael Page Technology, divisione di Michael Page International specializzata nella consulenza per la ricerca di personale qualificato, ha tracciato un profilo delle figure e delle retribuzioni nel “Salary survey 2016” dedicato alla tecnologia dove traccia il profilo delle competenze richieste per le varie figure e le retribuzioni per dimensioni aziendali ed esperienza. Il direttore dei sistemi informativi, di solito laureato in Ingnegneria o Economia e commercio, ha il compito di armonizzare i bisogni dei clienti dell’azienda, la strategia della società e le tecnologie offerte dal mercato garantendo il collegamento tra il reparto informatico e gli altri reparti della società. Si tratta di una figura sempre più coinvolta nella strategia aziendale “poiché i sistemi informatici sono, con sempre maggiore frequenza, elementi chiave della redditività”. A seconda dell’esperienza e delle dimensioni aziendali la sua retribuzione può variare da 45mila a 130mila euro.

Sicurezza sottovalutata

L’It manager è invece il garante dell’affidabilità, della coerenza e dell’evoluzione del sistema informatico sul piano tecnico e funzionale e si fa carico dell’insieme dei progetti informatici della società partecipando alla definizione della strategia e degli obiettivi dell'area informatica. Spesso laureato o con cultura equivalente per tutto questo può portare a casa uno stipendio fra 40-100mila euro. La forchetta è ampia a causa dell’esperienza (minimo cinque anni) e il fatturato aziendale sommato a oltre dieci anni di carriera (oltre 750 milioni di euro). Le aziende più accorte si sono dotate anche di responsabile della sicurezza dei sistemi informativi garante delle security architetturale e applicativa, della sicurezza fisica delle attrezzature e con un ruolo di sensibilizzazione nei confronti delle altre componenti aziendali. Una figura che ha assunto importanza negli anni che ha in genere una laurea in Ingegneria o cultura equivalente, con un minimo di cinque anni di esperienza. Il risultato è una busta paga che oscilla fra 40mila e 85mila euro forse avara rispetto alle responsabilità crescenti.

La gestione dei dati

L’analisi della società di consulenza si concentra si figure It classiche senza allargarsi a nuove posizioni che riguardano la gestione dei social o altro. Così viene tracciato il profilo anche del Solution architect, System specialist e dell’amministratore di sistema, un laureato in Ingegneria o che possiede un altro diploma al quale unisce una formazione operativamente tecnica su sistemi il più delle volte eterogenei e il conseguimento di certificazioni specifiche. I suoi compiti spaziano dll’identificazione delle problematiche relative alla trasmissione e alla gestione dei dati aziendali, allo scouting tecnologico, monitoraggio dell’intera rete e gestione del supporto tecnico.

Figura relativamente nuova e riservata ad aziende di un certo livello è quella del Data manager, laureato in Ingegneria o Informatica con una formazione specifica sulla gestione dei dati. A questo unisce sotto la sua competenza anche aree relativa alle reportistica direzionale come la Business intelligence. Sempre più coinvolti nelle strategie aziendali, in particolare modo con marketing e finance, i Data manager si occupano delle tecnologie legate al Big data. Si tratta di una figura che sta crescendo velocemente nel panorama italiano e secondo il rapporto “non è da escludere che spesso andrà a ricoprire ruoli di importanza strategica”. Con conseguente aumento di stipendio che al momento è di difficile definizione anche per Michael Page. I parte da 40mila euro per cinque anni di esperienza (chi li ha) nelle aziende sopra i 150 milionidi fatturato per arrivare a 80mila per quelle più grandi.

Leggi anche: A Milano servono skill tecnologici, parola di LinkedIn
Professioni Ict: focus sul problem solving

Ecco una sintesi dei livelli retributivi

1. Direttore Sistemi informativi

 

2. IT Manager

3. Direttore Ricerca e Sviluppo

4. Responsabile Sicurezza

5. Data Manager

Consulente applicativi ERP

consulente applicativi erp

6. System Engineer

7. Presales Engineer

8. Solutions Architect

9. Amministratore di Sistema

10. Project Manager ERP

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome