Home Prodotti Networking e TLC Internet in Italia continua a crescere, i dati di gennaio 2021

Internet in Italia continua a crescere, i dati di gennaio 2021

Per rappresentare con uno slogan la crescita di Internet in Italia a gennaio si potrebbe dire, toglieteci tutto, ma non la Serie A.

Ma andiamo con ordine. È passato quasi un anno. Chi è stato fortunato si lamenta che lo smart working, ha esasperato le tensioni familiari e messo a rischio convivenze pluriennali, mentre chi non è stato fortunato ha tirato avanti fino alla fine del fatidico 2020 solo grazie ai “ristori” e non sa che cosa lo aspetta domani.

Tutti, poco alla volta, ci siamo abituati a considerare “normale” la nuova normalità; guardiamo (rigorosamente in streaming via Internet) vecchi film o nuove serie TV dove gli attori vanno a cena fuori, si incontrano e si abbracciano a ogni occasione con un senso di straniamento.

Meno male che c’è il calcio, che tutti i tifosi guardano da lontano (rigorosamente in streaming via Internet) e che, nonostante tutti gli artifici inventati dai registi, improvvisati esperti di Augmented Reality, potrebbe essere giocato a Dubai, oppure su Marte, per quello che ne sappiamo.

Ci siamo lasciati alle spalle il tremendo 2020, ma non è che il nuovo anno sia molto diverso: sempre smart working, didattica più o meno a distanza, lockdown più o meno “soft”. C’è quasi da ringraziare la politica, sia in USA che da noi in Italia, che ci ha ricordato che “nulla dura in eterno”.

E intanto Internet cresce, gradualmente, ma inesorabilmente.

I nuovi comportamenti, le nuove abitudini allargano man mano il numero dei fruitori, sia per videochiamate di lavoro o di didattica, sia per serate – casalinghe –di streaming di serie TV e cinema oppure di “chat” sui social media.

Gli utenti di Internet sono sempre di più e sempre più sono “broadband” o “ultra-broadband”. Tutti gli operatori di servizi di accesso sono impegnati a far fronte alla domanda crescente nelle loro infrastrutture di distribuzione (in fibra ottica dove è possibile), ma continuano anche ad aggiornare i loro backbone per far fronte alla crescita continua.

Gli operatori di contenuti e di servizi in cloud installano ulteriori risorse di calcolo e di storage e, soprattutto, ottimizzano i flussi da e verso le loro piattaforme, cambiando le direttrici e /o aumentando la capacità delle loro interconnessioni.

Come già abbiamo dovuto segnalare nel corso del 2020, queste ottimizzazioni portano a una diminuzione immediata del traffico scambiato attraverso il MIX (come, ad esempio, si è verificato nelle ultime due settimane di gennaio), ma, nel medio periodo, la capacità liberata viene prima o poi riutilizzata per far fronte alla crescita continua del traffico.

Non facciamoci ingannare dall’andamento altalenante del traffico nelle nove settimane tra dicembre 2020 e gennaio 2021: quello che c’è dietro è una crescita graduale e continua.

Ci siamo lasciati alle spalle i volumi di traffico dell’inizio del primo lockdown, adesso abbiamo questa nuova normalità dove ogni settimana milioni di utenti, non stufi di aver passato ore lavorative fermi davanti a un monitor, per almeno un paio di sere alla settimana si trasformano in tifosi di calcio e “consumano” ulteriore traffico Internet, tutti insieme appassionatamente.

Visto dall’osservatorio di MIX, questi picchi punteggiano il nostro grafico (fig. 1), sistematicamente, e hanno toccato un nuovo massimo storico: 1,33 Tbit/s il 3 gennaio, quando quasi tutte le partite della Serie A si sono svolte in fascia serale.

Una piccola curiosità. Siamo andati a guardare, questa volta veramente “con la lente di ingrandimento”, che cosa è successo nell’ultimo giorno del 2020, quel S. Silvestro di festeggiamenti “moderati” e “senza assembramenti”.

È quasi una sorpresa piacevole scoprire che almeno il brindisi di buon anno è stato un momento di realtà fisica e non virtuale, con bicchieri e spumante reali e, almeno per un quarto d’ora, staccandosi da Internet, come si rileva nella fig. 2, che è stata ottenuta campionando il traffico a intervalli di 5 minuti; un vero e proprio microscopio, appunto.

Un’ulteriore annotazione, che sia di buon augurio per l’anno che è iniziato: il 31 dicembre c’è stato un altro avallamento nel traffico Internet, meno eclatante, ma comunque significativo; uno dei momenti di minor traffico Internet in fascia serale di tutto l’anno 2020.

Ci piace pensare che sia stato il momento, intorno alle 21, quando ha parlato il presidente Mattarella e che tutti gli Italiani si siano fermati ad ascoltarlo, attraverso la vecchia tecnologia che chiamiamo televisione (ma sappiamo di tanti italiani all’estero che ringraziano Internet per aver permesso loro di essere in comunione con noi anche in questa occasione).

La raccolta di tutte le analisi del MIX sull’andamento di Internet in Italia

Il traffico Internet italiano cresce sistematicamente

Internet italiana, qualcosa è cambiato durante l’estate

Internet italiana, calma piatta dopo la tempesta

Internet, traffico cresciuto del 40% nella pandemia

L’Internet italiana durante il lockdown, i dati del MIX

Internet italiana, le performance durante la pandemia da coronavirus

Internet italiana, l’effetto Sanremo analizzato dal MIX

Internet italiana, la performance di inizio anno

La performance dell’Internet italiana fra novembre e dicembre

Come leggere la temperatura dell’Internet italiana

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php