Il catasto delle reti nel Decreto Sblocca Italia

Secondo quanto scritto nel decreto, le infrastrutture pubbliche di telecomunicazioni e le opere necessarie per fornire connessioni in banda larga ed ultralarga sono considerate a tutti gli effetti “di urbanizzazione primaria”.

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il cosiddetto "Decreto Sblocca Italia" contenente una serie di misure per
l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche, la
digitalizzazione del Paese, la semplificazione burocratica, l'emergenza
del dissesto idrogeologico e la ripresa delle attività produttive
.
Analizzando la parte del provvedimento correlata al tema ICT, si apprende come il decreto torni sulle misure a contrasto del digital divide introducendo una sorta di "catasto delle reti".
Si tratta di un database che conterrà le informazioni sulle reti di
accesso disponibili lungo tutta la Penisola. L'obiettivo è quello di
ottenere un quadro preciso ed aggiornato sullo stato della rete italiana
e destinare finanziamenti in infrastrutture da installare nelle aree
geografiche ove la banda larga è ancor'oggi una chimera.

Il decreto precisa inoltre che le
infrastrutture pubbliche di telecomunicazioni e le opere necessarie per
fornire connessioni in banda larga ed ultralarga sono considerate a
tutti gli effetti "di urbanizzazione primaria"
. In altre
parole, con lo "Sblocca Italia" si vogliono rimuovere in un sol colpo
tutti gli ostacoli burocratici che sino ad oggi hanno rallentato la posa
di nuove infrastrutture per le comunicazioni mobili e da postazione
fissa.
A tal proposito, gli operatori di telecomunicazioni potranno
dire addio alle vecchie lungaggini: saltando ogni altro passaggio,
basterà una comunicazione - da spedire direttamente al Ministero dello
Sviluppo Economico - che entro tre giorni dovrà esprimersi sulla
fattibilità dell'intervento ed informare contestualmente le competenti
amministrazioni locali.

Sulla base delle disposizioni contenute nel decreto, inoltre, il Presidente del Consiglio avrà più ampi poteri in materia di gestione dei fondi europei.
L'obiettivo è quello di rendere in breve tempo disponibili le risorse
che arrivano dall'Europa superando quegli aspetti burocratici che,
storicamente, hanno ostacolato un tempestivo utilizzo dei fondi.

Infine,
le imprese che realizzano interventi infrastrutturali su rete fissa e
mobile, su impianti wireless, di telecomunicazioni via satellite, sugli
impianti che forniscono banda larga ed ultralarga agli utenti, potranno
beneficiare di un reddito d'imposta nella misura del 30% del costo di
ciascun investimento da "scontare" su IRAP ed IRES dovute
.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome