Home IoT Google Ara, Jacquard, Soli, tre progetti che guardano al futuro

Google Ara, Jacquard, Soli, tre progetti che guardano al futuro

Diversamente rispetto a quanto accade nella maggior parte delle convention internazionali, la scorsa settimana, in occasione del suo I/O, Google ha deciso di non sparare tutte le sue cartucce nei keynote delle prime due giornate, ma di tenere qualcosa in serbo anche per il gran finale.
Così, se nei primi due giorni si è parlato di assistenti vocali, Android Wear, processori, l’ultimo giorno dei lavori è stato dedicato a Google ATAP, acronimo che sta per Advanced Technologies and Projects, vale a dire il gruppo di lavoro che sta sviluppando progetti come Jacquard, Soli, Ara, tutti annunciati nei mesi scorsi, ma di cui poco se non nulla, è trapelato dopo le prime notizie.

 

Google Soli, i sensori radar

soli-virtual-tools-xy-3

In particolare, sono state presentate le novità che riguardano Project Soli, che punta allo sviluppo di sensori in grado di tradurre i movimenti della mano in segnali digitali, con l’obiettivo di sviluppare nuove interfacce utente per i dispositivi indossabili.
Il progetto comincia a prendere corpo, tanto che dopo che i primi developer kit sono stati consegnati a 60 sviluppatori nei mesi scorsi, oggi l’obiettivo è allargare la community, incoraggiati anche dai risultati positivi raggiunti.
Soprattutto, si comincia a portare Soli sul suo terreno d’elezione: il dispositivo indossabile.

google-soli-io-2016
Nella loro prima versione, i sensori, se pur piccoli, consumavano ancora troppa energia e richiedevano l’utilizzo di un pc: ora il processore è stato ridisegnato in collaborazione con Infineon e il consumo è stato portato a 0.054 W, con un footprint di tre ordini di grandezza inferiori rispetto al passato, con una capacità di elaborazione di 18.000 frame al secondo.
Il risultato?
Il sensore è stato integrato in uno smartwatch (nella demo un LG Watch Urbane), che dunque può essere gestito senza necessità di toccarlo: nella demo presentata sul palco, si è vista le gestione dei messaggi sul display dell’orologio.
Non solo smartwatch, naturalmente: il team ha lavorato anche con gli sviluppatori di altoparlanti, comandabili a gesti da una distanza fino a 15 metri.
Il nuovo developers kit, aperto a un numero maggiore di sviluppatori, dovrebbe essere rilasciato nel corso dell’anno.

Google Jacquard e la collaborazione con Levi’s

levis-commuter-jacket

Per quanto riguarda il progetto Jacquard, che guarda al mondo tessile, l’annuncio è quello della collaborazione con Levi’s per lo sviluppo di una giacca di jeans con sensori integrati, in grado di rispondere alle telefonate e di interfacciarsi con le mappe.

Google Ara, il telefono come un Lego

google Project_Ara_scattered_parts

Infine Ara, il telefono componibile, pensato quasi come un Lego, o così viene unanimemente descritto.
L’idea non è diversa da quella già perseguita da LG (che non ha caso ha una stretta collaborazione con Google): poter aggiungere al dispositivo quelle componenti che davvero servono all’utente finale.
Non si parla di componenti essenziali al funzionamento del dispositivo, vale a dire Cpu, memorie, display, quando piuttosto altri elementi più specifici: ad esempio uno strumento per misurare il glucosio per i diabetici.
Il developers kit verrà reso disponibile nel corso dell’autunno.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php