Documenti digitali stabili, la firma elettronica è solo il primo tassello

Dopo Torino, altre due tappe attendono a Roma e Bologna Key4Paperless, il roadshow di itAgile per spiegare come firma digitale, firma grafometrica, timbro digitale e conservazione rendono immodificabile un documento digitale.

Sono i “concetti-chiave” che ruotano attorno alla dematerializzazione e le tecnologie sul mercato utili a realizzarla gli assi portanti di Key4Paperless.
Atteso domani a Torino, dopo un primo appuntamento svoltosi lo scorso 11 aprile a Milano, il roadshow itinerante organizzato da itAgile torna a fare il punto anche sulle problematiche tecnico-legali che sottendono il passaggio al digitale.

Consapevole della necessità di portare formazione e aggiornamento su una tematica in costante evoluzione, anche dal punto di vista delle normative locali ed europee, l'azienda nata nel 2008 principalmente per veicolare in esclusiva sul nostro mercato la tecnologia della statunitense Arx e la di lei famiglia di prodotti CoSign fruibili anche in modalità cloud per la firma elettronica cetralizzata, ha orchestrato un evento di formazione «attorno a un processo continuo e destinato a protrarsi nel tempo».

Lo stesso che, come ricordato da Gianni Sandrucci (nella foto), Ceo di itAgile, «non interessa solo una specifica tipologia di utenti che ha la necessità di dematerializzare i propri processi ma coinvolge realtà di tutti i settori e di tutte le dimensioni».
Va da sé che, maggiori sono i documenti da gestire, maggiori sono i costi della gestione della carta che accomunano, in primis, banche, assicurazioni, realtà ospedaliere, case farmaceutiche, ministeri ed enti previdenziali, «anche se è sempre più evidente a tutti l'onere, in termini di tempo e costi, che sottende la gestione dei processi su carta».

Ma le “key” per realizzare il mondo “paperless” evocate da itAgile non si limitano alla sola firma digitale centralizzata. Utili nel processo di dematerializzazione sono anche la conservazione dei documenti affrontata con l'offerta della bolognese Credemtel, la firma grafometrica attuata con le soluzioni della marchigiana Namirial e la tecnologia di timbro digitale firmata della Capitolina Land, utile a stampare un qualsiasi documento digitale mantenendo, però, anche sulla carta le caratteristiche della firma digitale.

Fresca del rilascio anche sul mercato italiano di CoSign Web App, soluzione Web-based pensata per consentire agli utenti di accelerare ulteriormente i processi di integrazione della firma digitale nel proprio workflow, garantendo accesso in ogni momento, anche da dispositivi mobili, l'appuntamento di itAgile con Key4Paperless è a Roma, il prossimo 6 giugno, e a Bologna, il 26 settembre.

Ancora in fase di valutazione, al momento, l'aggiunta di un ulteriore tappa per coprire l'area del Nord-Est Italia.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here