Home Cloud VMworld 2020, tutte le novità tecnologiche che cambiano l'IT aziendale

VMworld 2020, tutte le novità tecnologiche che cambiano l’IT aziendale

L’edizione 2020 del tradizionale evento VMworld è stata molto densa di annunci e novità tecnologiche.

L’emergenza coronavirus ha costretto gli organizzatori a trasformare la kermesse in un evento online, ma questo non ne ha certo scalfito la mole e l’importanza per il settore IT.

Fra le nuove partnership spicca quella siglata con Nvidia. Al VMworld 2020, VMware e Nvidia hanno reso noto l’avvio di una interessante collaborazione volta ad  offrire sia una piattaforma aziendale end-to-end per l’AI che una nuova architettura per data center, cloud e edge che utilizza le DPU (data processing units) Nvidia per supportare le applicazioni esistenti e di nuova generazione.

Grazie a questa partnership, il set di software di intelligenza artificiale disponibile sull’hub Nvidia NGC sarà integrato in VMware vSphere, VMware Cloud Foundation e VMware Tanzu.

Ciò contribuirà ad accelerare l’adozione dell’intelligenza artificiale, consentendo alle aziende di estendere l’infrastruttura esistente, gestire tutte le applicazioni con un unico set di operations e implementare un’infrastruttura AI-ready dove i dati risiedono, attraverso il data center, il cloud e l’edge.

Inoltre, nell’ambito del Progetto Monterey  le due aziende collaboreranno per fornire un’architettura per il cloud ibrido basata sulla tecnologia SmartNIC, inclusa la NvidiaBlueField-2. La combinazione di VMware Cloud Foundation e Nvidia BlueField-2 offrirà  un’infrastruttura di nuova generazione, costruita appositamente per le esigenze di Intelligenza Artificiale, machine learning, applicazioni ad alto throughput e data-centric.

Fornirà inoltre un’accelerazione delle applicazioni estesa oltre l’AI a tutti i carichi di lavoro e fornirà un ulteriore livello di sicurezza attraverso una nuova architettura che riversa i servizi critici dei data center dalla CPU agli SmartNIC e alle DPU programmabili.

Tornando al Progetto Monterey, si tratta di un’anteprima tecnologica incentrata sull’evoluzione della sua architettura per il data center, il cloud e l’edge per rispondere alle mutevoli esigenze delle applicazioni di prossima generazione, incluse le applicazioni di intelligenza artificiale, machine learning e 5G.

Inoltre, VMware ha anche annunciato che sta collaborando con l’ecosistema di partner per fornire soluzioni basate su Project Monterey.

Fra i principali ci sono Intel, Nvidia e le system company Dell Technologies, Hewlett Packard Enterprise e Lenovo.

Sono numerosi i punti salienti del nuovo progetto presentato a VMworld 2020:
VMware sta lavorando all’evoluzione della VMware Cloud Foundation per supportare la tecnologia SmartNIC (nota anche come unità di elaborazione dati o DPU), un nuovo componente architettonico che scarica i compiti di elaborazione che la CPU del server gestirebbe normalmente. Supportando SmartNICs, VMware Cloud Foundation sarà in grado di mantenere la virtualizzazione del calcolo sul server CPU mentre scarica le funzioni di networking e di storage I/O alla CPU SmartNIC.

Ciò consentirà alle applicazioni di massimizzare l’uso della larghezza di banda di rete disponibile e di risparmiare i server CPU per ottenere le massime prestazioni dall’applicazione. VMware ha compiuto il primo passo di questa evoluzione consentendo a VMware ESXi di girare su SmartNIC.

VMware ri-architetterà VMware Cloud Foundation per consentire la disaggregazione del server, compresa l’estensione del supporto per i server bare metal.

Ciò consentirà a un’applicazione in esecuzione su un server fisico di consumare le risorse dell’acceleratore hardware, come le FPGAs, da altri server fisici.

Questo permetterà anche di accedere dinamicamente alle risorse fisiche in base alle policy o tramite software API, adattate alle esigenze dell’applicazione. Inoltre, poiché ESXi è in esecuzione su SmartNIC, le organizzazioni saranno in grado di utilizzare un unico framework di gestione per tutta la loro infrastruttura di calcolo, sia essa virtualizzata o in metallo nudo.

Il disaccoppiamento delle funzioni di rete, di storage e di sicurezza dal server principale consente di applicare patch a queste funzioni e di aggiornarle indipendentemente dal server.

Infine con Project Monterey, VMware può ulteriormente realizzare la sua visione di sicurezza intrinseca.

Ogni SmartNIC è in grado di eseguire un firewall stateful completo e una suite di sicurezza avanzata. Poiché questo girerà nella NIC e non nell’host, fino a migliaia di minuscoli firewall potranno essere distribuiti e sintonizzati automaticamente per proteggere specifici servizi applicativi che compongono l’applicazione – avvolgendo ogni servizio con difese intelligenti in grado di schermare qualsiasi vulnerabilità.

vmworld 2020

Al VMworld 2020 sono state annunciate anche le soluzioni VMware Future-Ready Workforce per fornire una migliore workforce experience, controlli di sicurezza end-to-end e zero trust e una gestione semplificata.

Le soluzioni Future Ready Workforce combinano le funzionalità Secure Access Service Edge, Digital Workspace e Endpoint Security leader del settore per aiutare l’IT a gestire e ottimizzare l’accesso sicuro a qualsiasi applicazione, su qualsiasi cloud e da qualsiasi dispositivo.

VMware ha annunciato gli aggiornamenti al supporto di Tanzu su VMware Cloud on AWS, Azure VMware Solution e Oracle Cloud VMware Solution, e la partnership con GitLab. Introdotta al VMworld 2019 US, VMware Tanzu è un portafoglio di prodotti e servizi per la modernizzazione delle applicazioni e dell’infrastruttura con un obiettivo comune: offrire un software migliore alla produzione, in modo continuo. Nell’ultimo anno, VMware ha incrementato rapidamente il portafoglio Tanzu, ha ampliato il proprio ecosistema di partner e aggiunto nuovi clienti.

VMware Tanzu, annunciato allo scorso VMworld,  include innovazioni organiche e tecnologie acquisite con Bitnami, Heptio, Pivotal e Wavefront.

VMware ha recentemente annunciato la pacchettizzazione di questi prodotti in quattro semplici Tanzu editions, indirizzate direttamente alle sfide più comuni della modernizzazione delle applicazioni. L’azienda ha anche integrato Kubernetes nel control plane di VMware vSphere – come vSphere con Tanzu – fornendo ai clienti una piattaforma unica per tutte le applicazioni.

Rilevante l’annuncio del supporto di Tanzu per VMware Cloud on AWS e il supporto in anteprima per Oracle Cloud VMware Solution. Inoltre, VMware e Microsoft operano a stretto contatto per rendere al più presto l’anteprima disponibile per i primi utenti.

Questi aggiornamenti forniscono ai clienti modi veloci e più sicuri per estendere i carichi di lavoro al cloud e rafforzano ulteriormente la capacità di VMware di offrire ai clienti una piattaforma pervasiva per l’esecuzione di applicazioni sull’infrastruttura di loro scelta.

VMware annuncia, inoltre, una partnership con GitLab, la piattaforma DevOps fornita come applicazione singola.

vmworldd 2020 carbon black

Presentato a VMWorld 2020, VMware Carbon Black Cloud Workload offre una protezione avanzata pensata per la sicurezza dei carichi di lavoro moderni, in modo da ridurre la superficie di attacco e rafforzare la propria sicurezza. Questa soluzione combina la segnalazione prioritaria delle vulnerabilità e il rafforzamento dei carichi di lavoro fondamentali con funzionalità di prevenzione, rilevamento e risposta leader del settore per proteggere i carichi di lavoro in esecuzione in ambienti cloud virtualizzati, privati e ibridi.

La soluzione combina l’esperienza sulla security di Carbon Black con la profonda conoscenza dei data center di VMware per integrare la sicurezza nei carichi di lavoro. I clienti VMware possono provare la nuova soluzione avanzata grazie a una prova gratuita di VMware Carbon Black Cloud Workload Essentials completa e della durata di 6 mesi, disponibile per tutti i clienti attuali di vSphere 6.5 e VMware Cloud Foundation 4.0.

Strettamente integrato con VMware vSphere, VMware Carbon Black Cloud Workload fornisce una sicurezza agentless che abbassa i costi di installazione e gestione e consolida la raccolta di dati di telemetria per più casi d’uso della sicurezza dei carichi di lavoro.

Questa soluzione unificata consente ai team di sicurezza e dell’infrastruttura di supportare la protezione automatica dei carichi di lavoro nuovi e già esistenti in ogni punto del ciclo di vita della sicurezza, semplificando allo stesso tempo le operations e consolidando lo stack IT e di sicurezza.

La sicurezza del carico di lavoro è particolarmente complicata nelle architetture di data center ibride che impiegano di tutto, dalle macchine fisiche on-premises a un ambiente multiplo infrastructure as a service (IaaS) di cloud pubblico, fino alle architetture applicative basate su container.

VMware ha anche annunciato l’intenzione di acquisire SaltStack, pioniere nello sviluppo di software di automazione intelligente e event-driven. SaltStack consentirà a VMware di ampliare in modo significativo la gestione della configurazione del software e delle infrastrutture e le capacità di automazione della rete

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php