Home IoT Olimpiadi 2016: novità tecnologiche per atleti e arbitri

Olimpiadi 2016: novità tecnologiche per atleti e arbitri

Chi ha seguito le partite dell’Italia del volley alle Olimpiadi 2016 di Rio avrà notato l’introduzione dell’instant replay, d’abitudine nell’NBA già dalla stagione 2002-2003. Per ogni punto dubbio, l’arbitro può modificare la decisione in base alla revisione dell’azione da parte del secondo arbitro e le squadre possono rivederla a rallentatore su un grande schermo.

L’innovazione tecnologica, comune a pallavolo e beach volley, è una delle novità delle Olimpiadi 2016 in svolgimento a Rio de Janeiro. Molte di queste, in verità, sono già state introdotte nelle gare internazionali, ma è la prima volta per delle gare olimpiche.

Rispetto alla tecnologia per il pubblico, o quella dietro le quinte, di cui abbiamo già parlato, le novità sono pensate per gli atleti, le squadre, gli arbitri, insomma per rendere i risultati più corretti possibile.

Gli schermi in cui si visualizza il contatore delle vasche sono stati introdotti ai campionati mondiali di nuoto dell’anno scorso e fanno il loro esordio olimpico a Rio 2016. Utili soprattutto per chi gareggia su lunghe distanze, gli schermi subacquei posizionati da Omega, storico partner olimpico, aiutano gli atleti a non perdere il conto delle vasche e, per ogni corsia, si aggiornano ogni volta che il nuotatore tocca il touchpad posizionato sulla sponda.

Nel caso delle gare di canoa, invece, la tecnologia ha pensato agli spettatori. I sensori Gps posizionati nelle canoe permettono di memorizzare dati più precisi sulla direzione e sulla velocità dei partecipanti in modo da capire meglio le singole tattiche.

Durante le gare di tiro con l’arco abbiamo visto qualche inquadratura dalle videocamere poste sui bersagli, ma la tecnologia introdotta alle Olimpiadi 2016 non si è limitata a questo.

Una rete di sensori posizionata sul bersaglio permette, per la prima volta, di conoscere il punteggio un secondo dopo l’impatto. Il sistema è in grado di stabilire la posizione della freccia sul bersaglio con un’accuratezza di circa 0,2 mm, più precisa dell’occhio umano.

Inoltre, gli spettatori di Rio 2016 potranno sapere in tempo reale le variazioni del battito cardiaco durante la prova.

Un tag Rfid sulle armi alle Olimpiadi 2016

Le gare di tiro con le armi da fuoco usano bersagli elettronici da Pechino 2008, l’innovazione delle Olimpiadi 2016 di Rio consiste nell’inserimento di una tecnologia laser al posto del classico sistema acustico per calcolare il punteggio.

È stato, inoltre, inserito un tag Rfid in ogni arma in modo da sapere la loro posizione in qualsiasi momento.

Anche nel sollevamento pesi si è pensato a migliorare l’esperienza dello spettatore con l’introduzione di una camera capace di catturare il movimento dell’atleta da ogni angolazione.

Durante un evento di test a febbraio, i caschetti per il Taekwondo sono stati dotati di sensori con trasmettitori WIFi al fine di calcolare elettronicamente i punti, aiutando gli arbitri in questa incombenza che in passato ha provocato qualche errore. Le Olimpiadi 2016 di Rio saranno le prime a introdurre l’innovazione.

Inoltre, gli atleti indosseranno calze magnetiche, protezioni e tute con sensori di impatto sempre con l’intenzione di minimizzare gli errori arbitrali. Il ritardo del segnale va da 0,1 a 0,2 decimi di secondo ed è previsto anche un instant replay nei casi dubbi.

Infine, Visa ha introdotto un braccialetto a disposizione del pubblico con cui quale effettuare un pagamento contactless all’interno dei campi di gara. Un braccialetto con la stessa funzionalità, ma che non richiede batteria ed è subacqueo fino a 50 metri, è stato consegnato a 45 atleti testimonial Visa.

Sull’utilizzo della tecnologia alle Olimpiadi di Rio vi invitiamo a leggere anche questi due articoli già pubblicati nei giorni scorsi:
Olimpiadi 2016: pronti 250 server e 374 km di fibra

Olimpiadi 2016: protagonisti droni, realtà virtuale e 4k

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php