Home Digitale Meta al lavoro per trasparenza e innovazione dell’intelligenza artificiale

Meta al lavoro per trasparenza e innovazione dell’intelligenza artificiale

I progressi compiuti da Meta AI nelle tecnologie di intelligenza artificiale hanno portato a importanti innovazioni negli assistenti digitali e ad aprire le porte per una traduzione automatica pressoché universale.

Ma le novità presentate da Meta AI in occasione dell’evento virtuale Inside the Lab non si sono fermate qui, e hanno coperto anche altri ambiti.

Tutte le ultime innovazioni sono basate su un obiettivo comune. I laboratori di intelligenza artificiale di Meta sono al lavoro in un’iniziativa a lungo termine per creare tecnologie di base che aprano le porte alla prossima era del computing.

Oltre ai progetti CAIRaoke e No Language Left Behind, la società di Mark Zuckerberg ha dunque annunciato ulteriori novità.

A partire da una nuova risorsa per comprendere le modalità di funzionamento dei sistemi di intelligenza artificiale.

Nello specifico, si tratta del prototipo di uno strumento di System Cards, progettato per fornire informazioni dettagliate sull’architettura sottostante di un sistema di intelligenza artificiale.

Meta

Questo strumento illustra i diversi modelli alla base di un sistema di intelligenza artificiale e – sottolinea Meta – può aiutare le persone a comprenderne meglio il funzionamento.

La system card pilota sviluppata da Meta, che gli ingegneri dell’azienda stanno continuando a testare, è relativa alla classificazione del feed di Instagram.

Copre cioè il processo che esamina i post degli account seguiti, e non ancora visualizzati da una persona, e li classifica in base alla probabilità che quella determinata persona possa trovarli interessanti.

L’obiettivo di Meta è quello di rendere i sistemi di intelligenza artificiale il più trasparenti possibile, ma a volte la trasparenza e la sicurezza possono entrare in conflitto.

Rivelare i dettagli esatti del funzionamento di alcuni sistemi – sottolinea l’azienda – potrebbe compromettere la loro sicurezza o esporre un modello ad attacchi avversi, con la possibilità di danneggiare le persone che usano i prodotti di Meta.

In certi casi, system card eccessivamente dettagliate potrebbero consentire a soggetti malintenzionati di decodificare il sistema o modello.

Per questo, pur ritenendo comunque importante informare gli utenti sul funzionamento dei suoi sistemi di intelligenza artificiale, Meta sta cercando di offrire un livello adeguato di trasparenza, senza compromettere la sicurezza.

Secondo l’azienda, le system card possono rappresentare un passo importante per aiutare le persone a comprendere il concetto di trasparenza dell’intelligenza artificiale delineato da Meta.

Per questo la società di Mark Zuckerberg ha espresso l’intenzione di seguitare a identificare altri progetti pilota da implementare. Al fine di iterare nel tempo il suo approccio e adeguarlo alle modifiche dei prodotti, all’evoluzione degli standard del settore e alle aspettative in fatto di trasparenza dell’intelligenza artificiale.

Meta ha inoltre annunciato nuovi modi di portare talenti diversi nel mondo dell’intelligenza artificiale.

La AI Learning Alliance sta elaborando un programma di studio sull’apprendimento automatico aperto a tutti. I corsi saranno tenuti da un pool di professori, provenienti da università in cui molti degli studenti appartengono a gruppi sottorappresentati.

Meta ha poi annunciato anche TorchRec, una libreria di riferimento per lo sviluppo di sistemi di suggerimenti all’avanguardia, per il framework di apprendimento automatico open source PyTorch.

Questi sistemi di suggerimenti – ha messo in evidenza l’azienda – incentivano la personalizzazione di molti dei prodotti di Meta.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php