Home Cloud Google Cloud facilita la trasformazione digitale all’edge

Google Cloud facilita la trasformazione digitale all’edge

L’anno scorso, Big G ha presentato Google Distributed Cloud (GDC), un portafoglio di hardware e software completamente gestito che consente alle organizzazioni di eseguire i carichi di lavoro sull’edge.

Ora, Google Cloud ha annunciato la disponibilità generale di Google Distributed Cloud Edge, con le Google Distributed Cloud Edge Appliances.

GDC Edge consente ai clienti di eseguire funzioni 5G Core e radio access network (RAN) all’edge, e supporta casi d’uso per diverse applicazioni aziendali.

Tra queste: il rilevamento delle anomalie utilizzando video e intelligenza artificiale per ridurre i difetti in fabbrica; l’inventario in tempo reale con i robot, abilitando la prossima generazione di retailer.

E ancora: il miglioramento dell’efficienza operativa nel settore automobilistico con i sensori; lo scrubbing dei dati sensibili a livello locale prima che vengano trasferiti al cloud.

Contestualmente, Google Cloud ha anche annunciato una serie di opzioni hardware che sono disponibili in due fattori di forma: configurazioni basate su rack e GDC Edge Appliances.

Google Cloud

Le configurazioni Rack-based includono il rack, sei server, due switch top-of-rack, cablaggio e possono essere configurate per l’alimentazione AC o DC.

Sono disponibili negli Stati Uniti, Canada, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Spagna, Finlandia e Regno Unito.

Siccome Google Distributed Cloud Edge è completamente gestito, questo permette ai clienti di focalizzarsi sui propri carichi di lavoro, mentre Google controlla e fa manutenzione da remoto dell’installazione GDC Edge.

Questo comprende l’installazione degli ultimi aggiornamenti software, la risoluzione dei problemi di configurazione, il mantenimento di una postura di sicurezza e persino la sostituzione dell’hardware GDC Edge presso la sede del cliente.

Le appliance GDC Edge – sottolinea Google – sono ideali per i casi d’uso in cui le limitazioni di larghezza di banda e latenza impediscono alle organizzazioni di elaborare i dati da dispositivi come telecamere e sensori nei data center cloud.

Queste appliance semplificano la raccolta dei dati, l’analisi e l’elaborazione in location remote dove una grande quantità di dati provenienti da questi dispositivi deve essere elaborata rapidamente e archiviata in modo sicuro.

Possono memorizzare i dati generati da telecamere e sensori presso i warehouse o gli store dei clienti, o eseguire applicazioni containerizzate che elaborano i dati localmente utilizzando inferenza di machine learning, aggregazione e logica personalizzata.

Una Edge Appliance include un server leggero 1U ruggedized, storage NFS locale basato su RAID, TPM per la sicurezza e una GPU Nvidia opzionale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php