Home Digitale Google Analytics, i nuovi strumenti per il marketing

Google Analytics, i nuovi strumenti per il marketing

Un anno fa la società di Mountain View aveva lanciato il nuovo Google Analytics 4 con soluzioni sicure dal punto di vista della privacy per misurare il customer journey, il machine learning per prevedere i risultati e automatizzare la scoperta di insight, e una facile attivazione di questi insight nelle piattaforme pubblicitarie di Google per migliorare le prestazioni del marketing.

Da allora, Google ha introdotto ulteriori aggiornamenti, tra cui il reporting pubblicitario migliorato e il supporto per le scelte di consenso degli utenti.

Ora Big G sta rilasciando nuove funzionalità per Google Analytics, sviluppate per aiutare le imprese a ottimizzare le prestazioni su tutti i propri canali di marketing.

Search Console fornisce informazioni dettagliate sulle prestazioni nella Ricerca organica del proprio sito web, tra cui il ranking del sito nei risultati di Google Search, le query che hanno portato ai clic e i dati post-clic come le sessioni “engaged” e le conversioni.

Con la nuova integrazione di Search Console, i clienti saranno in grado di capire il ruolo che la Ricerca organica gioca nel guidare il traffico e il coinvolgimento sul proprio sito, rispetto ad altri canali di marketing come gli annunci, le email o i social.

Google Analytics

I modelli di attribuzione basati sui dati di Google aiutano a una migliore comprensione di come tutte le proprie attività di marketing influenzino collettivamente le conversioni, in modo da non sopravvalutare o sottovalutare un singolo canale.

A differenza dell’attribuzione “Ultimo clic”, dove il 100% del credito va all’interazione finale, l’attribuzione data-driven distribuisce il credito ad ogni touchpoint di marketing in base all’impatto che il touchpoint ha avuto sulla conversione.

La “Data-driven attribution” – ha sottolineato Google – migliora il ROI del marketing aiutando le imprese a prendere decisioni più informate su dove e quanto investire e, di conseguenza, a ottenere più conversioni con meno costi.

Con il suo uso del machine learning, l’attribuzione basata sui dati di Google Analytics 4 è, secondo la società californiana, un approccio più duraturo che darà risultati anche quando è difficile osservare le conversioni.

Google Analytics

Infine, Big G sta introducendo alcune nuove funzionalità di modeling in Google Analytics 4. In primo luogo con il conversion modeling ora utilizzato in diversi tipi di report per identificare la provenienza delle conversioni e assegnarle ai giusti canali Google e non, come gli annunci della Ricerca, le email o i social a pagamento.

In secondo luogo, il behavioral modeling sarà presto supportata nel reporting. Il behavioral modeling utilizza un machine learning rigorosamente testato e convalidato per colmare le lacune nei dati comportamentali, ha affermato Google, come gli utenti attivi giornalieri o le revenue medie per utente.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php