Home Cloud Gaia-X: come si costruisce il cloud europeo, cosa farà OVHcloud

Gaia-X: come si costruisce il cloud europeo, cosa farà OVHcloud

OVHCloud è da tempo al lavoro per il progetto di cloud a sovranità europea Gaia-X, finalizzato a sviluppare un’offerta di public cloud sicuro, data sensitive, che concretizzi il concetto di sovranità europea in materia di dati nel rispetto del GDPR.

È dello scorso settembre la notizia che in partnership con T-Systems OVHcloud creerà di un’offerta di public cloud sicuro per la Germania, la Francia e altri mercati europei, per affrontare tutti i settori sensibili alla sovranità dei dati e al rispetto del Gdpr.

Con questa partnership OVHcloud e T-Systems si impegnano a sviluppare una piattaforma di cloud pubblico Openstack unica nel suo genere.

In questo senso la piattaforma contribuisce all’iniziativa europea Gaia-X garantendo il massimo livello di apertura e trasparenza, sovranità dei dati, privacy e sicurezza dei dati in Europa. La disponibilità dell’offerta è prevista per l’inizio del prossimo anno.

Per comprendere il lavoro complessivo che la società francese sta facendo attorno a Gaia-X abbiamo intervistato Alban Schmutz, SVP Public Affairs di OVHcloud.

Alban Schmutz, SVP Public Affairs di OVHcloud

Dando per assodata la necessità di avere uno spazio europeo federato per i dati, tema che OVHcloud ha per prima portato a evidenza, concretamente come lo si costruisce in termini di asset fisici?

L’Europa ha bisogno di un forte mercato unico digitale, dove i clienti possano trovare i servizi cloud più adatti a soddisfare le loro esigenze, sulla base dei valori europei: protezione dei dati, essendo così tutelati nei confronti di normative extra-territoriali non europee, o portabilità. Quest’ultima è davvero fondamentale, in quanto dovrebbe permettere di evitare il lock-in con un unico fornitore, ma al contrario consentire una reale scelta sul mercato.

Questa è la storia alla base di Gaia-X: essere in grado di costruire uno spazio dati verticale per i servizi finanziari, l’energia o l’assistenza sanitaria e, allo stesso tempo, consentirne la crescita nel cloud, con l’assoluta possibilità di cambiare fornitore ogni volta che è più conveniente. Che sia per questioni tecniche, di prezzo o normative.

Quali componenti servono, quali competenze e come si mettono a fattore comune?

Realizzare questo concretamente significa costruire una serie di servizi core (identity management, descrizione dei servizi) che saranno utilizzati da tutti i fornitori membri di Gaia-X per portare la propria offerta sul mercato. I clienti potranno trovarvi differenti casi d’uso e modalità di utilizzo, anche in caso di vincoli normativi specifici (finanza, sanità).

Come si garantirà il rispetto delle forme di comunicazione richieste da Gaia-X? Quale sarà l’autorità di controllo?

Gaia-X sviluppa un solido insieme di “Policy Rules” che si concretizzano in meccanismi controllo su quali siano i “valori europei” in materia di protezione dei dati, reversibilità, sicurezza o trasparenza nei confronti delle normative extra-territoriali non europee.

Queste regole sono preparate dal Gaia-X Policy Rules Committee e la loro versione definitiva è sancita dal Consiglio di Amministrazione di Gaia-X. Solo organizzazioni la cui sede centrale si trovi in Europa possono farne parte.

Queste regole saranno implementate in tutti gli sviluppi tecnici di Gaia-X e della sua comunità e controllate attraverso meccanismi di terze parti e/o peer-to-peer. La fiducia è una pietra angolare di tutti gli sviluppi di Gaia-X.

Guardiamo al futuro: un cloud provider, non solo grande come OVHcloud, ma anche di taglio inferiore, come dovrà differenziare la propria offerta quando sarà operativo lo spazio dati comune europeo che il progetto Gaia-X vuole costruire?

C’è molto spazio per differenziarsi sul mercato, soprattutto per gli operatori più piccoli. Quando gli utenti cercheranno un’offerta specifica che si adatti alle loro esigenze, tutti i player con il corretto valore aggiunto saranno visibili.

Per esempio, quelli che sono conformi con la regolamentazione locale per i servizi sanitari o per la Qualità del Servizio (QoS). Quindi Gaia-X contribuirà a portare nuove opportunità ai player più piccoli non conosciuti dai clienti, che altrimenti si sarebbero rivolti direttamente ai provider hyperscale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php