Home Cloud Dove vanno i data center? 5 punti su cui riflettere

Dove vanno i data center? 5 punti su cui riflettere

Prosegue il nostro viaggio, virtuale, tra i protagonisti della cloud italiana alla scoperta di strategie, visioni e tendenze. Dopo la chiacchierata con i manager di Elmec, abbiamo incontrato Matteo Biancani, direttore commerciale per l’Italia di Interoute, una multinazionale del networking con alcune peculiarità, attiva con i suoi data center soprattutto in Europa Occidentale ma con l’occhio proiettato ad Est confermato dalla recente apertura di un virtual data center a Istanbul.

Dalla conversazione con Biancani abbiamo capito 5 cose sui data center, sui managed services, sul disaster recovery e sul supporto.

  1. L’enterprise è il nuovo carrier
    Non è una novità che il business vero sia lì. E, per la conformazione tipica di una multinazionale, o di un’azienda con sedi estere e uffici periferici, ci vuole un’offerta globale, in nodi, reti e servizi multilingua. “Siamo nati come “carrier di carrier” – afferma Biancani – ma dal 2005 ci siamo rivolti anche al mercato enterprise, fino a un taglio medio, ma comunque alto in termini di postazioni”.
  2. Prossimità e globalità
    È un lavoro complesso: da una parte, come detto, ci vuole un’offerta globale, dall’altra il presidio periferico è opportuno. “In Italia lavoriamo insieme a Hwg – spiega Biancani – un partner di Verona estremamente qualificato che ci supporta in tutto il nord, l’area in cui siamo più presenti, e soprattutto nel nord-est”. Il ruolo di questi partner è fondamentale, sebbene Interoute abbia una gestione centralizzata del servizio di assistenza (Praga e Sofia), spesso è dalla Lan del cliente che partono i log: un servizio di prossimità che parla la stessa lingua del cliente, non sempre strutturato e competente, Interoute lo offre come Premium Service.
  3. Le banche sfuggono
    Si dice che il ritorno agli investimenti delle grandi aziende vedrà in testa i Cio delle banche, si dice. “Certo, le banche sono certamente il target più interessante e interessato – osserva Biancani – ma le dinamiche di ingaggio restano complesse”. Interoute ha una presenza storica nel manufatturiero, nella produzione industriale, referenze importanti nel fashion ecommerce, la Uefa e l’Agenzia Spaziale Europea, e qualche progetto in conclusione nel settore trasporti e corrieri, uno di quelli da tenere ben presente.
  4. Pubblico, privato o ibrido?
    “È ormai chiaro che la cloud pubblica ha dimostrato qualche lacuna – prosegue il manager – ma liquidare la nostra come pubblica è restrittivo. La nostra piattaforma si trova all’interno di Mpls (Multi Protocol Label Switching) e domini fisici di proprietà. Abbiamo 16 nodi, la maggior parte di proprietà, in qualcuno siamo in colocation e in via Caldera a Milano abbiamo un edificio a disposizione”. Quella di Interoute, insomma, è una cloud pubblica su struttura prevalentemente privata che, soprattutto, può contare su 70mila km di rete proprietaria, un valore notevole e una riflessione da fare.
  5. Disaster Recovery sì, ma dove?
    Altro tasto dolente dell’offerta della maggior parte dei Managed Service Provider: dove si esegue la ridondanza? Se anni fa ci hanno convinto che per una cloud il luogo fisico non è importante, tantomeno dove si ridonda, oggi ci si dovrebbe ricredere. Per esempio, Interoute ha a disposizione tre direzioni fisiche diverse, “Il nostro vantaggio è che possiamo contare su una infrastruttura in fibra ottica – spiega Biancani – profondamente ridondata che, per esempio su Milano, si sviluppa su tre direzioni fisiche diverse”.

 

Potrebbero interessarti anche:

I 10 data center più importanti d’Italia

Elmec: quanto è difficile interagire tra data center

Cloud ibrido integrato per il datacenter di Gi Group

Taglio del nastro per il terzo datacenter Data4 in Italia

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php