Home Cloud Come ridurre i costi generali passando al cloud

Come ridurre i costi generali passando al cloud

Innumerevoli organizzazioni hanno accelerato i loro piani di trasformazione digitale a seguito della pandemia globale e del passaggio di massa al lavoro a distanza che ne è seguito.

Un rapporto del governo del Regno Unito ha rilevato che le aziende sono state veloci a investire in tecnologie per rimodellare il posto di lavoro e il modo in cui lavoriamo e interagiamo, e definisce tecnologie come il cloud computing come “essenziali per la sopravvivenza aziendale”.

Ne abbiamo parlato con Luca Catalano, Account Manager Amd Italia per il segmento enterprise & public.

Alcune aziende, per Catalano, rimangono preoccupate di spostare le loro risorse digitali sul cloud. Con l’infrastruttura legacy e i reparti IT interni che riescono a mantenere la macchina ben oliata per alcuni, può essere difficile comprendere i vantaggi dell’adozione del cloud senza mai sperimentare un modello IT diverso da quello attualmente in uso.

Indipendentemente da ciò, la pandemia globale ha portato l’importanza del cloud computing in primo piano. Non solo il software basato su cloud ha dato a tutta la forza lavoro la possibilità di lavorare in remoto con poche interruzioni. Infatti, la migrazione di risorse come risorse IT e applicazioni on-premise in un ambiente cloud ha permesso alle aziende di scalare verso l’alto e verso il basso con flessibilità al fine di far fronte meglio a condizioni volatili.

Questo passaggio senza precedenti alla digitalizzazione sulla scia della pandemia significa che per coloro che devono ancora farlo, un passaggio al cloud è praticamente inevitabile. Questo potrebbe sembrare scoraggiante, in particolare dal punto di vista dei costi, ma il cloud computing può effettivamente aiutare a ridurre le spese generali di un’azienda.

Quindi, in che modo il cloud computing aiuta a ridurre i costi?

Nessun investimento di installazione grazie al cloud

Secondo Catalano, a differenza della creazione e della gestione di un data center, che può essere costoso in termini di attrezzature, manutenzione e personale, il cloud computing è spesso molto più conveniente. Un rapporto del governo del Regno Unito rileva che, nella maggior parte dei casi, un cloud pubblico offre un miglior rapporto qualità-prezzo rispetto alla tecnologia on-premise,

Quando le aziende iniziano il loro viaggio di migrazione, scelgono semplicemente i servizi giusti per la loro attività in termini di numero di utenti, spazio di archiviazione e funzionalità. Poiché tutte le loro esigenze infrastrutturali possono essere soddisfatte da un provider di servizi cloud a un costo fisso, non sono coinvolti investimenti iniziali. Naturalmente, ogni azienda è unica ed è richiesta la due diligence, ma generalmente scopriranno che un passaggio al cloud offrirà risparmi impressionanti. Spostando un data center su un provider cloud, le aziende pagheranno in media solo  un decimo  del costo.

Anche i costi di manutenzione saranno inferiori, conferma Catalano. Un provider di cloud è come un’altra utility nel senso che tutte le spese di manutenzione si riflettono già nelle commissioni che paghi, siano esso associato a hardware, software, infrastruttura, monitoraggio o manutenzione.

Luca Catalano
Luca Catalano

Produttività migliorata

Il manager di Amd chiarisce che le soluzioni cloud consentono alle organizzazioni di diventare più flessibili e collaborative e la ricerca ha dimostrato che ciò ha un effetto positivo sulla produttività. L’uso di alcune tecnologie di cloud computing, come gli strumenti di pianificazione delle risorse aziendali (ERP) e di gestione delle relazioni con i clienti (CRM), è associato a un premio di produttività di circa il 25%.

Non solo la migrazione al cloud consente ai dipendenti di lavorare in remoto in modo efficace (qualcosa che non è mai stato più importante che nel 2021), ma la migrazione al cloud e l’hosting di app e dati online significa che le aziende stanno effettivamente creando un ufficio virtuale che viaggia con i propri dipendenti, indipendentemente da dove si trovino. Ciò consente inoltre alle aziende di accedere ai talenti di tutto il mondo, fino al punto di diventare un’azienda che non è legata a una posizione

Inoltre, la migrazione al cloud può ridurre significativamente i tempi di inattività, in particolare se le aziende optano per un ambiente multi-location o multi-cloud. Rispetto al tradizionale IT interno in loco, il cloud aiuta a prevenire costosi e dirompenti tempi di inattività e incidenti di perdita di dati.

Nessun team IT di gestione interna

Mentre alcuni potrebbero essere scoraggiati dalla prospettiva di consegnare il controllo della propria infrastruttura IT a una società di terze parti, il denaro che le aziende potrebbero risparmiare di conseguenza probabilmente renderà la decisione più semplice.

Catalano ne è convinto: quando le aziende passano al cloud, parte del denaro che pagano per il servizio va ai costi del personale del provider, e questo è in genere un importo molto inferiore rispetto a se facessero tutto quel lavoro internamente. Ciò non significa che saranno costretti a ridimensionare il loro attuale personale, in quanto potrebbero essere in grado di migliorare in modo efficiente le operazioni del loro reparto IT distribuendo personale in altre aree del business, contribuendo a migliorare le capacità di fondo.

Sicurezza migliorata nel cloud

La sicurezza è una preoccupazione maggiore che mai nell’era post-COVID. Non solo le violazioni dei dati e gli incidenti di perdita di dati possono avere un impatto di vasta portata sulle organizzazioni (sia dal punto di vista finanziario che reputazionale), ma il crimine informatico è aumentato drasticamente negli ultimi mesi poiché i criminali tentano di sfruttare la pandemia globale di coronavirus nei loro attacchi.
Con i dipendenti che lavorano da laptop su reti domestiche, gli attacchi di phishing sono cresciuti in popolarità fino a diventare la minaccia alla sicurezza informatica più diffusa e anche il numero di tentativi di ransomware è aumentato.

Migrando al cloud, prosegue Luca Catalano, le aziende contribuiscono a garantire che i loro dati aziendali critici siano salvaguardati dalle funzionalità di sicurezza più aggiornate. Non solo è possibile accedere ai dati indipendentemente da problemi hardware e guasti del macchinario fisico, ma il cloud offre anche in genere le protezioni di sicurezza più recenti spesso mancanti nei data center tradizionali più vecchi.

I provider di servizi cloud, ad esempio, offrono in genere molte funzionalità di sicurezza integrate come l’analisi della sicurezza, gli aggiornamenti periodici e la visibilità interasse aziendale, che aiuta a ridurre la minaccia di violazioni accidentali o intenzionali.

Riduzione dei costi del cloud con le tecnologie dei processori

Le tecnologie dei processori per server come i processori EPYC di 3a generazione di AMD possono aiutare a ridurre ulteriormente i costi generali. Il design unico dei processori offre le massime prestazioni di qualsiasi CPU server.

Inoltre, con l’acceleratore grafico Radeon Instinct M100 di AMD, le prestazioni e il potenziale di risparmio sui costi possono diventare ancora maggiori. L’M100 è l’acceleratore più veloce mai prodotto da AMD per l’intelligenza artificiale e il deep learning. Garantisce prestazioni di elaborazione e prestazioni per watt eccezionali per accelerare l’intelligenza artificiale e i flussi di lavoro HPC.

Perché è il momento di migrare al cloud

Sebbene la migrazione al cloud possa sembrare complessa, è chiaro che farlo può aiutare a migliorare le prestazioni operative e l’agilità, la scalabilità dei carichi di lavoro, la sicurezza e, soprattutto, i costi generali dell’IT. Il cloud computing consente alle organizzazioni di scambiare i costi di capitale, come quelli associati ai server fisici e ai data center, per spese variabili e offre alle aziende il supporto e la flessibilità di cui hanno bisogno per innovare.

Le organizzazioni possono persino iniziare a sfruttare i vantaggi delle tecnologie cloud continuando a eseguire le risorse su ambienti locali esistenti incorporando le applicazioni in un modello di cloud ibrido. «Quando si abbraccia il cloud, non deve essere tutto o niente», ha concluso Catalano

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php