Anche Ibm pensa al successore di Palmisano

Come Nokia, anche Big Blue darebbe in cerca della prossima guida. E lo fa valorizzando il management interno.

C'è aria di cambiamento al vertice anche in casa Ibm.
Contestualmente al rilascio dei risultati della seconda trimestrale dell'esercizio in corso, sono stati infatti annunciati una serie di cambiamenti ai vertici, attribuiendo a quattro manager più ampie responsabilità.

Promossi sul campo risultano il Cfo Mark Loughridge, al quale viene affidato anche il compito di guidare la "Finance and Enterprise Transformation",  Michael Daniels, che da responsabile dei servizi tecnologici viene promosso alla guida di tutto il gruppo servizi, Steven Mills, al quale viene affidata la responsabilità dell'area sistemi, e Virginia Rometty,
che affianca al ruolo di senior vice president of global sales and distribution, anche la responsabiltià su marketing e strategie.

Le promozioni, suggeriscono gli analisti, hanno tutto l'aspetto del banco di prova al quale i quattro manager saranno sottoposti nei prossimi mesi, con l'obiettivo di valutare quale leadership emergerà, in grado di sostituire Sam Palmisano, Ceo dal 2002.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome