Ibm automatizza il datacenter con BigFix

BigBlue annuncia un accordo per rilevare gli asset della società californiana, che sviluppa software per la gestione delle applicazioni critiche nei datacenter.

C'è il data center al centro dell'ultima acquisizione di Ibm.
Big Blue ha infatti reso nota l'intenzione di acquisire, per una somma non precisata, gli asset di BigFix, azienda californiana che sviluppa soluzioni per l'automazione delle attività It in reti globali complesse.

Le soluzioni di BigFix consentono di identificare all'interno di una rete i dispositivi non conformi alle policy aziendali e di rilasciare nel giro di pochi minuti aggiornamenti software tempestivi anche a 500.000 macchine contemporaneamente.
Questo significa un importante risparmio in termini di tempo, manodopera e spese.

Una volta completata l'acquisizione, gli asset di BigFix andranno a completare l'offerta di Ibm per dacenter, rafforzandola soprattutto in termini di sicurezza.

Il software sviluppato da BigFix consente ai responsabili dei data center di acquisire una migliore visibilità su tutti gli endpoint e di migliorare la gestione delle applicazioni critiche per il ciclo di vita dei sistemi, la valutazione della vulnerabilità, l'efficienza dal punto di vista energetico e la conformità in termini di configurazione e sicurezza.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome