5G, Intel compra la tecnologia driverless di Mobileye

Intel ha raggiunto un accordo per acquistare la società israeliana di tecnologia driverless Mobileye per 15,3 miliardi di dollari.

Si calcola che a oggi Mobileye copra il 70 per cento del mercato globale per i sistemi di assistenza alla guida e di anticollisione avanzata. Il lavoro integrato con Intel, già iniziato per via di una collaborazione, porterà alla realizzazione dei chip 5G che serviranno per la gestione dei veicoli a guida completamente autonoma, pronti nel 2021.

Intel e Mobileye stanno già collaborando con la casa automobilistica tedesca BMW su un progetto driverless che consta nelle realizzazione di una flotta di test costituita da una quarantina di veicoli da mettere su strada nella seconda metà di quest'anno.

Il bird's eye multifocale di MobileEye
Il bird's eye multifocale di MobileEye

Dagli esordi Mobileye ha fatto affidamento sulla tecnologia STMicroelectronics per la produzione di chip, che la società israeliana vende alle principali case automobilistiche per la creazione di sistemi di assistenza alla guida.

Il lavoro con BMW ha aperto a Mobileye le porte alla collaborazione con Intel per i chip 5G, che saranno utilizzati nei veicoli completamente autonomi in programma per il 2021.

Acquisizione record

Si tratta, fanno notare gli analisti, della più grande acquisizione di sempre di una società high-tech israeliana.

Non solo. 63,54 dollari per azione in contanti è la cifra più alta pagata per una società focalizzata esclusivamente sul settore della guida autonoma.

EyeQ5, il System on a Chip di Mobileye
EyeQ5, il System on a Chip di Mobileye

Intel prevede di chiudere la transazione entro i prossimi nove mesi e di mettere quanto prima i guadagni provenienti da Mobileye a beneficio del cashflow.

L'operazione in campo driverless segue quella, da 47 miliardi di dollari, con cui, sul finire dello scorso anno, Qualcomm ha messo le mani sul fornitore di chip per il mercato automotive NXP.

Capacità di visione

Mobileye è stata fondata nel 1999 con lo scopo di produrre tecnologia capace di ridurre gli infortuni derivanti dagli incidenti automobilistici.

Mobileye ha fatto la sua missione di ridurre le lesioni del veicolo e di decessi e ha puntato sulla tecnologia driverless. La società israeliana ha ricevuto un investimento di 130 milioni di dollari da Goldman Sachs e so è quotata alla Borsa di New York nel 2014.

Oggi ha un valore di mercato stimato in 14,7 miliardi di dollari. Mobileye dà lavoro a 600 persone e nel 2016 ha fatto utili per 173 milioni di dollari.

Ziv Aviram, ceo e fondatore di Mobileye
Ziv Aviram, ceo e fondatore di Mobileye

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO