Windows Virtual Desktop è disponibile

Windows Virtual Desktop

Presentato all’incirca nello stesso periodo dello scorso anno e a qualche mese dal rilascio della public preview, Microsoft ha ora annunciato la disponibilità generale in tutto il mondo di Windows Virtual Desktop.

Si tratta di un servizio ideato per offrire una gestione semplificata, un'esperienza multi-sessione di Windows 10, ottimizzazioni per Office 365 ProPlus e supporto per desktop e app Windows Server Remote Desktop Services (RDS).

La soluzione Windows Virtual Desktop consente di distribuire e scalare desktop e app di Windows su Azure in maniera semplice e rapida. Inoltre, il client di Windows Virtual Desktop è disponibile in maniera trasversale su più piattaforme: Windows, Android, Mac, iOS e HTML 5.

Nell’annunciare la disponibilità generale del servizio, Microsoft fa cenno alla fine del supporto per Windows 7 in arrivo a gennaio 2020 e al contesto di alcuni clienti che hanno la necessità di continuare a supportare le applicazioni legacy di Windows 7 durante la migrazione a Windows 10. A supporto di questa esigenza, sottolinea Microsoft, è possibile utilizzare Windows Virtual Desktop per virtualizzare desktop Windows 7 con gli Extended Security Updates (ESU) gratuiti fino a gennaio 2023.

Allo scopo di aumentare la produttività, Microsoft sottolinea anche di aver investito molto nell'esperienza di Office in un ambiente virtualizzato, sia con miglioramenti nativi che attraverso l'acquisizione di FSLogix, i cui strumenti sono ora integrati in Windows Virtual Desktop, per una user experience di virtualizzazione di Office più fluida e performante.

Microsoft ha lavorato anche per semplificare l’app delivery, attraverso il supporto per app con formato di pacchetto MSIX dinamicamente collegate a una macchina virtuale. Ciò, spiega l’azienda, riduce significativamente lo storage e semplifica la gestione e l'aggiornamento delle app da parte dell'amministratore, creando al contempo un'esperienza fluida per l'utente.

Oltre alle tecnologie integrate, Microsoft ha collaborato con l’ecosistema di partner per estendere Windows Virtual Desktop: ad esempio con Citrix, già da ora, con VMware Horizon Cloud su Microsoft Azure, la cui preview sarà disponibile entro la fine dell’anno, così come con aziende partner per l’hardware, system integrator e value-added solution provider.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito di Microsoft Azure.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome