Windows 10 April Update, le novità più rilevanti

L’ultima release di Windows 10 sinora rilasciata, il Fall Creators Update, non ha portato particolari novità, ma una lunga serie di bug fix e risoluzioni di problemi vari che hanno toccato parecchi aspetti del sistema operativo.

Il successo dell’aggiornamento è stato certificato dai dati di AdDuplex secondo la quale Fall Creators Update è ora presente sul 90,4% dei sistemi Windows 10.

Si tratta indubbiamente dell'aggiornamento che si è complessivamente diffuso a maggiore velocità.

Ora la build del Windows 10 Spring Update è pronta, dopo che sono stati affrontati e superati alcuni bug bloccanti. Quello che viene chiamato Windows 10 April Update arriva a maggio.

Aggiornamento più veloce

Una delle cose che Microsoft ha confermato in anticipo riguardo all'aggiornamento Spring Creators/April riguarda il tempo necessario per l’update. Secondo Redmond sarà necessario meno tempo offline rispetto agli aggiornamenti precedenti. Il riavvio sarà ancora parte del processo, ma terrà in considerazione alcuni elementi precedentemente installati.

Alcuni insider di Windows sono stati in grado di eseguire l'aggiornamento in media con 30 minuti di tempo offline, contro 51 minuti per l'aggiornamento del Fall creators e 82 minuti per l'aggiornamento di Creators.

L'ultima versione disponibile al pubblico, probabilmente la RTM, è la build 17134, rilasciata sui canali Slow e Release Preview, è quella deputata ad arrivare sui pc con Windows 10.

I ritocchi all'interfaccia

L'uso di Fluent Design ha portato a una revisione della grafica di diversi elementi dell'interfaccia rendendo gli oggetti meglio definiti e delineati. Si notano, per esempio, nuovi effetti Acrylic sulla Taskbar e sul menu Start. Microsoft ha poi rivisto l'aspetto di diverse app, compresi Edge e le Impostazioni.

La timeline

La nuova release del sistema operativo, attraverso una Timeline, offrirà la possibilità di passare in rassegna le attività svolte negli ultimi 30 giorni. Per aprire un file o accedere a un sito visitato, basterà cliccare sulla corrispondente miniatura mostrata lungo la timeline. Non solo. Timeline permette di iniziare un lavoro su un device e continuarlo su un altro, magari in un altro luogo. Presa un po' di familiarità con questa nuova modalità operativa, molto probabilmente per molti Timeline diventerà  il nuovo modo per accedere ai file recenti o una valida alternativa alla cronologia di Edge.

Elenco dei dati di diagnostica

Sulla base di quanto testato nelle versioni pre-release, ci saranno anche altre aggiunte e miglioramenti. Ad esempio, Microsoft ha aggiunto uno strumento di visualizzazione dei dati diagnostici alla sezione sicurezza e privacy. Sarà possibile avere un elenco dettagliato di tutti i dati che Microsoft ha raccolto sulla diagnostica inerente le nostre attività al computer, potendo decidere anche i eliminarli.

Scegliere la scheda grafica

A chi possiede un notebook con scheda grafica integrata e discreta, il nuovo Windows 10 consentirà di stabilire quali applicazioni potranno avvalersi dell'una o dell'altra Gpu. Questo  permetterà di avere una gestione più efficace dei consumi. A onor del vero, questa opzione era già consentita dai software specifici di Amd e Nvidia, però ora il suo impiego è più pratico perché diventa parte del sistema operativo.

Silenziare una scheda di Edge

Miglioramenti sono previsti anche per il browser Edge che sarà più rapido nella navigazione e permetterà di disattivare l’audio su una scheda aperta. In questo senso, come già accade in Firefox e Chrome, basterà cliccare con il mouse sull'icona che rappresenta un altoparlante sulla tab della scheda. Allo stesso modo, per riattivare l'audio basterà cliccare di nuovo sulla medesima icona.
Edge presenta poi un nuovo menu in cui è stato semplificato l'accesso ai siti preferiti, è stato inserito un sistema per il completamento automatico dei form e ci si può avvalere di uno strumento che tiene traccia dei pagamenti effettuati con carta di credito.

Condivisione rapida

Altra novità riguarda un sistema di condivisione rapida dei file attraverso Bluetooth. Si tratta di una funzione che, operando secondo una modalità simile ad AirDrop di Apple, permette di avviare un dialogo diretto tra Pc vicini. Se hanno entrambi attiva la modalità di condivisione si vedrà comparire una nuova area di condivisone all'interno di File Explorer, Edge, Foto e altre applicazioni Microsoft.
Sembra siano presenti anche alcune Api che indicherebbero la vicinanza dei Surface.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome