Gli aggiornamenti di Windows 10 saranno più veloci

Uno degli aspetti più noiosi degli aggiornamenti semestrali di Windows 10 è che sono lenti da installare e, per la maggior parte del processo di installazione, il pc è fuori uso.

Grazie a un nuovo processo di aggiornamento, il prossimo update, che sarà rilasciato in aprile, dovrebbe ridurre notevolmente i tempi di inattività.

Il processo di installazione è diviso in due parti: la parte online, durante la quale il pc è ancora utilizzabile, e la parte offline dopo il riavvio, durante la quale il pc mostra lo scorrere della percentuale di aggiornamento.

Microsoft stima che il Creators update, rilasciato quasi un anno fa, richiederebbe in media circa 82 minuti durante la fase offline.

I miglioramenti apportati all’operazione hanno ridotto questo tempo a circa 51 minuti e il prossimo aggiornamento (che in realtà non ha ancora ricevuto il nome ufficiale) lo ridurrà ulteriormente a 30 minuti che possono essere ancora tanti o pochi a seconda di quello che avete da fare in quel momento.

Windows 10 migliora le prestazioni

Il sostanziale miglioramento delle prestazioni deriva dal passaggio di gran parte del lavoro di installazione alla fase online. Il processo di aggiornamento è essenzialmente una versione modificata del processo di installazione e aggiornamento di Windows; viene installata una copia completamente nuova del sistema operativo e quindi il contenuto utente, come le impostazioni e i programmi installati, viene migrato a questa nuova installazione.

Un anno fa, questo lavoro era tutto svolto nella fase offline; c'era poco da fare per la parte online, oltre a scaricare l'aggiornamento e verificarne l'integrità.

Nel prossimo aggiornamento, tuttavia, durante la fase online sarà possibile aprire la nuova versione del sistema operativo e preparare i dati dell'utente per la migrazione.

La fase offline non si esaurisce completamente: l'effettiva migrazione dei dati utente avviene in modalità offline, così come l'installazione dei driver e le altre operazioni necessarie per rendere la nuova installazione di Windows pronta per l'uso. Ma la parte offline è sostanzialmente più piccola di prima, da qui la grande riduzione dei tempi di inattività.

Microsoft afferma che ciò comporta un certo costo; la parte online dell'installazione richiede ora più tempo.

Ma il lavoro in questa fase viene eseguito a bassa priorità, quindi non dovrebbe, in generale, ostacolare l'uso del computer. Quindi, mentre l'aggiornamento può richiedere lo stesso tempo dall'inizio alla fine, il tempo effettivo perso per l'aggiornamento sarà notevolmente ridotto.

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

1 COMMENTO

  1. Finalmente viene velocizzato il processo di aggiornamento. Non ho un computer top di gamma ma veramente gli aggiornamenti richiedono un’infinità di tempo che potrei benissimo usare per lavorare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome