I Web Components sono una piattaforma tecnologica che combina diverse tecnologie allo scopo di consentire agli sviluppatori di creare elementi HTML personalizzati e riutilizzabili da integrare in pagine, siti e app web.

Questa piattaforma si basa principalmente su tre tecnologie: Custom elements, un set di API JavaScript che consente di definire gli elementi custom e il loro comportamento; Shadow DOM, un set di API JavaScript per il collegamento a un elemento di un albero del DOM “ombra”, il cui rendering è separato da quello del DOM principale del documento; HTML template, che consente di utilizzare elementi markup che non vengono renderizzati con il resto della pagina e che possono essere riutilizzati più volte.

Le API Web Components v1 si sono diffuse come standard tra i diversi browser e sono supportati in Chrome, Safari, Firefox e, con la prossima generazione, Edge: queste sono già utilizzate in milioni di siti e da ancora più utenti, quotidianamente.

Le API Web Components v0 invece erano supportate solo da Chrome.

Per questo motivo, e allo scopo di garantire l'interoperabilità del codice e delle applicazioni, alla fine dello scorso anno Google aveva annunciato che queste API draft erano ormai obsolete e ne aveva schedulato la loro rimozione da Chrome a partire dalla versione 73.

Tuttavia, evidentemente poiché ancora molto diffuse, Google ha reso noto di recente che gli sviluppatori hanno richiesto più tempo per la migrazione, e pertanto le API non sono state ancora rimosse da Chrome.

Google ha anche stabilito la nuova scadenza: le API draft Web Components v0 sono ora programmate per la rimozione in Chrome 80, ossia intorno al febbraio 2020.

Gli sviluppatori web, nel frattempo, devono organizzarsi per la migrazione.

Oltre a dare la nuova tempistica, sul blog dedicato ai web developer, nel post raggiungibile a questo link, Google offre anche suggerimenti e strumenti per effettuare con successo la transizione.

 

Web Components

La pagina contiene istruzioni e consigli su come testare il proprio sito con le API v0 disabilitate per verificarne il funzionamento e su come disabilitare tali API, su come installare e usare i polyfill per Web Components v0, su come verificare quale versione sia in uso sul proprio sito, e altro.

Si tratta dunque di una lettura che rappresenta una prima tappa essenziale nella migrazione, mentre sul lungo termine naturalmente l’obiettivo non può che essere l’upgrade alle più recenti versioni delle API.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome