Home Prodotti Software Potenza di calcolo: Vmware mette vSphere Bitfusion in vSphere 7

Potenza di calcolo: Vmware mette vSphere Bitfusion in vSphere 7

VMware ha introdotto una nuova funzionalità integrata in VMware vSphere 7 che consentirà alle aziende di fornire infrastrutture elastiche on demand per applicazioni di intelligenza artificiale e machine learning.

La nuova funzionalità VMware vSphere Bitfusion è stata sviluppata a partire dall’acquisizione di Bitfusion da parte di VMware nel 2019, un pioniere nella virtualizzazione delle risorse di accelerazione hardware, inclusa la tecnologia di graphics processing unit (GPU).

Le organizzazioni usano acceleratori hardware come le GPU per migliorare le prestazioni dei carichi di lavoro AI/ML.

I team IT si sono resi conto che questi acceleratori hardware sono isole, che spesso non possono essere condivise in azienda.

L’impossibilità di condividere tali risorse porta a un utilizzo inefficiente e scarso delle risorse esistenti e di quelle appena acquistate.

La combinazione di Bitfusion e VMware vSphere aiuterà le organizzazioni a ottenere risparmi sui costi, consentirà la condivisione delle risorse out of the box e fornirà la giusta risorsa di accelerazione hardware, come una GPU, al giusto carico di lavoro e al momento giusto.

Le applicazioni basate sull’intelligenza artificiale e sul machine learning – in particolare il deep learning – si basano su acceleratori hardware per affrontare calcoli complessi e di grandi dimensioni.

Grazie alle nuove funzionalità Bitfusion integrate, VMware vSphere 7 permetterà alle aziende di mettere in pooling le potenti risorse di GPU sui loro server e di condividerle all’interno dei loro data center.

Questo permetterà alle organizzazioni di condividere in modo efficiente e rapido le GPU in tutta la rete con team di ricercatori di IA, data scientist e sviluppatori di machine learning che si affidano e/o costruiscono applicazioni AI/ML.

Rilasciato nell’aprile 2020, VMware vSphere 7 è stato riprogettato in una piattaforma aperta che utilizza Kubernetes per fornire un’esperienza cloud-like a sviluppatori e operatori.

La funzionalità Bitfusion di VMware vSphere 7 sfrutterà le GPU per le applicazioni in esecuzione su macchine virtuali o container.

Bitfusion può operare in un ambiente Kubernetes come VMware Tanzu Kubernetes Grid, e ci si aspetta che venga eseguito mentre i clienti implementano le applicazioni AI/ML come parte di una strategia globale di modernizzazione delle applicazioni.

La funzionalità Bitfusion di VMware vSphere sarà disponibile attraverso un unico download senza alcuna interruzione dell’infrastruttura attuale e si integrerà perfettamente con i flussi di lavoro e i cicli di vita esistenti.

VMware ha acquisito Bitfusion lo scorso anno con l’intenzione di integrare la tecnologia in VMware vSphere. Bitfusion offriva una piattaforma software che disaccoppiava specifiche risorse fisiche dai server a cui erano collegate.

Questo includeva la condivisione delle GPU in un’infrastruttura virtualizzata, come un pool di risorse accessibili in rete, piuttosto che risorse isolate per server.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php