Virtual Storage Platform Hds per BPLazio

Hds_Vsp G200Intenta a garantire il backup da un lato e la business continuity dall’altro, a maggio del 2015 Banca Popolare del Lazio ha scelto la nuova famiglia di soluzioni Virtual Storage Platform, la risposta di Hitachi alle esigenze di chi intende realizzare un’infrastruttura “Software-defined.

Già cliente Hds dal 2010, grazie alla collaborazione con il partner Maleva e con il distributore Accadis, con la nuova soluzione Vsp G200, l’Istituto bancario ha potenziato al massimo la scelta verso la virtualizzazione dei server garantendo virtualizzazione nativa di ambienti storage eterogenei e storage multisito di tipo active-active, nonché migrazione, replica e gestione pienamente compatibili dei dati all’interno del nuovo datacenter inaugurato presso la filiale di Anzio e dedicato al backup dei dati.

Affidabilità, tempi brevi di implementazione e il miglior rapporto costo/prestazioni sono stati gli elementi di valutazione presi in considerazione da Aristide D’Onofrio, Chief information officer presso Banca Popolare del Lazio, chiamata ad affrontare, come altre banche, le sfide collegate alla gestione in outsourcing di alcuni servizi mantenendo, però, in casa, un’applicazione strategica come lo storage.

La nuova piattaforma Hds sta, inoltre, supportando Banca Popolare del Lazio nell’analisi interna sui dati, per rispondere sia alle esigenze imposte dalle nuove normative e ai requisiti stabiliti da Banca d’Italia, sia per supportare i servizi ai clienti.
Il tutto con una soluzione in grado di virtualizzare anche le precedenti risorse di storage in modalità seamless per potenziare le procedure di disaster recovery riducendo, al contempo, anche i costi delle licenze, che ora vengono proposte a frame e non più a terabyte.

Grazie alla scalabilità e continuità di servizio, la piattaforma G200 consente, inoltre, di creare copie di salvataggio facilmente gestibili, anche in vista del database che l’istituto di credito intente creare per accogliere numerose informazioni sui clienti, e che richiederà risorse di storage fino a 15 terabyte.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here