Vending di birra, la verifica dell’identità si fa con blockchain

A prima vista la vendita di birra dovrebbe avere poco a che fare con blockchain. Invece anche la bionda bevanda può incontrare la blockchain se fa parte della partnership tra la piattaforma di verifica dell'identità Civic, l'azienda distributrice di distributori automatici Innovative Vending Solutions, e il gigante della birra Anheuser-Busch.

Dall’iniziativa delle due aziende prende vita il primo distributore al mondo di "birra criptata". Usando la tecnologia buzzworthy, questa nuova macchina può verificare l’età degli acquirenti prima di sbloccare una lattina di Budweiser.

Gli aspiranti bevitori eseguono la scansione di un codice Qr con l'applicazione Civic che verifica che la persona abbia superato l'età legale per bere e dispensa una lattina di Budweiser. Tutto questo in forma anonima, perché i sistemi Civic hanno già verificato i dati personali dei propri utenti, compresa l'età.

Una app per verificare l'età

Per utilizzare il nuovo distributore automatico, è necessario prima verificare la propria identità nell'applicazione che utilizza poi blockchain per interagire con il distributore automatico e assicurarsi che l’acquirente abbia più di 21 anni. Da lì, la macchina scansiona la faccia dell'utente per autenticare che la persona che tiene il telefono cellulare è chi dice di essere, e se tutto va come previsto, la macchina emette la lattina una birra fredda.

Al di là dell'esempio di un distributore automatico di birra, Civic ne fa un esempio per un sistema che potrebbe essere utilizzato per una migliore sistema di verifica dell'età in generale. "Con oltre 190 paesi e i relativi documenti d'identità, è difficile conoscerli tutti", ha scritto l'azienda sul suo blog. "Inoltre, diamo potere decisionale a persone che spesso non sono qualificate per affrontare la complessità della verifica dell'identità. Sono i custodi scelti che permettono alle persone di entrare in bar, club, casinò o di acquistare prodotti limitati all'età come l'alcool".

Attualmente, le macchine per la birra a distribuzione automatica, richiedono un tradizionale controllo di identificazione in qualche punto del processo, presso il punto di entrata o presso il punto vendita. Il sistema di verifica Civic potrebbe teoricamente automatizzare questo processo ed eliminare la necessità di "custodi" (oltre ad avere qualcuno intorno a che fare con eventuali problemi che sorgono), ma per ora Civic dice che non ha intenzione di commercializzare questo distributore automatico di birra. "È una dimostrazione per mostrare un modo pratico di portare la tecnologia crittografica a un pubblico mainstream".

Perché secondo Civic la loro soluzione può essere utile anche per i siti web. I codici Id, è l'opinione della società, forniranno agli utenti un modo sicuro e indipendente per verificare i profili dei social media o blog, indipendentemente dalla piattaforma, con un link univoco e un profilo verificato tramite la catena di blocchi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome