Un cybersceriffo per il Governo Usa

DJ Patil - cybersceriffo UsaDhanurjay Patil è il primo Cds, Chief Data Scientist. del Governo degli Stati Uniti. È un veterano di molte aziende ben note -Skype, PayPal, eBay e Linkedin- e a lui si chiede di far miglior uso dei dati nell'amministrazione statunitense, in particolare per quanto riguarda la sanità. La mossa di Obama viene dopo una serie di attenzioni che negli ultimi giorni hanno riguardato il mondo della tecnologia e in particolare di Internet.

Il presidente degli Stati Uniti si è occupato molto di sicurezza nel corso degli ultimi giorni. Se l'attenzione principale è sulle opzioni militari e diplomatiche che riguardano il califfato Isis, alcune questioni sono collegate anche alla sicurezza informatica.

Il cyberspazio è oggi come il selvaggio West” di una volta, ha detto Obama ad un summit sulla cybersecurity alla Stanford University, in piena Silicon Valley, spiegando che tutti chiedono ai Governi di fare lo sceriffo, prima però d'impegnarsi a fondo nei comportamenti e nelle misure di sicurezza individuali ed aziendali.

Anche oltreoceano il rapporto tra mondo di Internet e mondo reale è reso difficile dalla lentezza della burocrazia e dalla frequente compromissione di dati di rilevanza nazionale ed internazionale, ma anche dei consumatori.

Oggi negli States la legislazione è frammentaria e contrapposta nelle varie entità locali. Il mondo delle aziende chiede un testo unico con regole chiare per tutti. Ma il rischio è che le regole finirebbero per riguardare sia il mondo pubblico sia quello privato, in tutte le forme, sbilanciando l'equilibrio a favore dello Stato federale. “Siamo in un momento chiave”, ha detto Tim Cook, Ceo di Apple, sempre al summit di Stanford “abbiamo visto che sacrificare il diritto alla privacy può avere effetti terribili sulla nostra sicurezza e sulla vita”. Insomma bisogna sì agire, ma stando attenti a non sacrificare parti importanti dei diritti di tutti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here