Twitter contro il Governo degli Stati Uniti

Dito puntato sulle norme speciali che regolano i rapporti tra il dipartimento di giustizia statunitense ed i servizi online cui è fatto obbligo di fornire i dati degli utenti collaborando alle indagini in corso.

Twitter ha deciso di avviare una vertenza legale chiamando in causa niente meno che il governo degli Stati Uniti.
L'accusa è quella di aver violato il primo emendamento della
Costituzione che garantisce la libertà di parola e di espressione per
ogni cittadino.
Il social network fondato da Dick Costolo punta il
dito soprattutto sulle norme speciali che regolano i rapporti tra il
dipartimento di giustizia statunitense ed i vari servizi online: realtà
come Twitter, Facebook, Google, Microsoft - insieme con qualunque altra
società operante nel settore delle telecomunicazioni e dei servizi
Internet - hanno l'obbligo di fornire i dati dei loro utenti
collaborando alle indagini in corso.

Allo stesso tempo, viene vietata la diffusione di informazioni sui programmi di sorveglianza avviati dalle agenzie governative.
Ed è proprio questo il punto oggetto di maggior contestazione: Twitter
vuole girare agli utenti i dettagli sugli obiettivi dei programmi di
monitoraggio avviati dal governo.

Twitter si fa quindi paladina di una battaglia volta a garantire maggior trasparenza nei confronti dell'utenza e ad allentare quei lacci che le agenzie governative a stelle e strisce sono oggi libere di imporre.

Le finalità dell'azione legale di Twitter sono illustrate in un post pubblicato in questa pagina.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here