Home Sostenibilità Transizione ecologica: Cisco impegna 100 milioni di dollari

Transizione ecologica: Cisco impegna 100 milioni di dollari

Cisco Foundation ha annunciato la disponibilità di 100 milioni di dollari in dieci anni per affrontare la crisi climatica. La dotazione della fondazione è finanziata direttamente da Cisco. Con questo denaro si sovvenzioneranno attività non-profit e investimenti ad alto impatto che sostengano soluzioni alla sfida climatica, iniziative educative e di attivazione delle comunità.

C’è consenso tra i cittadini di tutto il mondo sulla necessità di agire per combattere il cambiamento climatico. Eppure molti si sentono poco coinvolti – o perché non pensano che una singola persona possa fare la differenza o perché sono paralizzati dall’enormità della crisi.

Questo, unito al fatto che meno del 2% di tutto il denaro investito in azioni filantropiche viene speso per affrontare la lotta contro il cambiamento climatico, significa che molte soluzioni audaci che potrebbero dare un contributo per il clima non vengono sviluppate, a causa dell’inazione e della mancanza di investimenti.

L’impegno della Cisco Foundation di spendere 100 milioni di dollari in dieci anni mira a contribuire ad affrontare questo divario, concentrando i suoi finanziamenti su due fronti: soluzioni climatiche innovative e/o visionarie, che favoriscano modelli economici “net zero” o circolari, rigenerativi; educazione e coinvolgimento delle comunità sui temi del clima, creazione di consapevolezza ecologica, cambiamento delle abitudini individuali, avvio di azioni collaborative efficaci.

Cisco lavorerà a stretto contatto con le organizzazioni che riceveranno i finanziamenti per misurare e riportare l’impatto dei loro programmi. L’approccio della Fondazione Cisco si basa su un modello esistente e collaudato di finanziamento di soluzioni in fase iniziale con un alto potenziale di sostenibilità e scalabilità.

Le decisioni sui partner non-profit da finanziare saranno basate sulla loro capacità di avere un impatto, misurare e riportare risultati in aree quali la riduzione, cattura e/o sequestro delle emissioni di gas serra e di carbonio, l’aumento dell’efficienza energetica e la creazione e aumento dell’accesso ai posti di lavoro in ambito “green”, il cambiamento dei comportamenti collettivi che porti a ridurre l’impronta del carbonio della comunità, aumento della resilienza climatica, creazione di una visione del “futuro climatico” condivisa a livello locale e regionale.

Cisco si impegna a costruire un futuro sostenibile riducendo le emissioni, riducendo i rifiuti, costruendo prodotti più efficienti e fissando obiettivi ambiziosi ma raggiungibili.

Cisco ha già raggiunto l’obiettivo di usare il 100% di energia rinnovabile per le sue attività in diversi paesi del mondo ed è sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo di usare elettricità generata da fonti rinnovabili per almeno l’85% del suo fabbisogno globale entro il 2022, e di ridurre le emissioni di gas serra Scope 1 e 2 del 60% nel 2022 (rispetto alle emissioni registrate nel 2007). Cisco sta anche lavorando con i suoi fornitori per ridurre le emissioni in tutta la sua supply chain.

Cisco si impegna a progettare i suoi prodotti e imballaggi favorendo il riutilizzo, la riparazione e l’efficienza dell’impiego di risorse.  L’azienda è sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo, entro il 2025, di progettare il 100% dei nuovi prodotti e imballaggi incorporando principi di design circolare. Cisco sta anche lavorando per mantenere il suo impegno di ritirare per il riciclo il 100% dei prodotti a fine vita, annunciato dal CEO Chuck Robbins al World Economic Forum 2018.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php