Home Digitale Spotify HiFi, lo streaming audio diventa lossless

Spotify HiFi, lo streaming audio diventa lossless

Spotify ha annunciato i suoi piani per lanciare un nuovo servizio di abbonamento di fascia alta, chiamato Spotify HiFi, insieme ad altre nuove funzionalità e aggiornamenti, comprese nuove offerte di contenuti e funzionalità per i creatori.
La società ha affermato che Spotify HiFi verrà lanciato entro la fine dell’anno per gli abbonati Spotify Premium in mercati globali selezionati, consentendo loro di ascoltare la musica in formato audio di qualità CD e lossless.

Spotify ha dichiarato che lo streaming di musica di alta qualità è sempre stata una delle funzionalità più richieste dagli utenti e Spotify Hifi è una risposta precisa e puntale alle aspettative di una clientela affezionata ma altrettanto esigente.

Inoltre, la società di streaming ha chiarito che il Spotify HiFi funzionerà su tutti i device, inclusi gli altoparlanti abilitati per Spotify Connect.
Spotify sta anche lavorando con alcuni dei più grandi produttori di altoparlanti al mondo per rendere il servizio HiFi accessibile a più utenti possibili.

Non è ancora chiaro quale sarà il prezzo del nuovo servizio HiFi, tuttavia è chiaro che il prezzo sarà superiore a quello dell’abbonamento Premium a cui si affianca; anzi HiFi verrò proposto come add-on a Premium stesso.

La società ha anche sottolineato di aver aggiunto 76000 artisti alle playlist per la prima volta, e di aver evidenziato 175 artisti emergenti attraverso il suo programma Radar, che offre supporto editoriale e di marketing.
Inoltre, Spotify ha evidenziato il modo in cui diversi artisti stanno utilizzando strumenti più recenti come Enhanced Album e la sua funzione Storie.
Spotify Canvas, le immagini in loop che accompagnano una traccia, è ora disponibile per tutti gli artisti di Spotify.

Il popolare servizio di streaming audio amplia ulteriormente i propri orizzonti: Spotify ha svelato che, nei prossimi giorni, si espanderà in nuovi mercati che gli consentiranno di raggiungere più di un miliardo di persone in tutto il mondo.
Sono 85 i nuovi mercati che verranno aperti, in Asia, Africa, Caraibi, Europa e America Latina.

Per quanto riguarda la ricerca e sviluppo, Spotify ha parlato di piani per migliorare i suggerimenti e la scoperta dei podcast attraverso nuove funzionalità e miglioramenti ai suoi algoritmi e alla tecnologia sottostante.

Una caratteristica aiuterà a identificare i podcast per categoria senza bisogno di conoscere il nome effettivo dello spettacolo o dell’episodio. Ad esempio, gli utenti potrebbero digitare “cucina” nella barra di ricerca e trovare podcast che corrispondono a tali dati. Questa funzione è attualmente in fase di test negli Stati Uniti e verrà implementata in più località quest’anno.

Sulla sua app per la creazione di podcast, Anchor, Spotify ha affermato che sta collaborando con WordPress per trasformare il testo in audio, aggiungere video ai loro podcast e accedere a nuove funzionalità interattive come sondaggi e domande e risposte per aggiungere la comunicazione in tempo reale con i fan ai loro spettacoli.

Spotify ha anche fornito dettagli oggi su come intende monetizzare i suoi investimenti in podcast.
La società ha affermato che sta lanciando un nuovo mercato pubblicitario audio, Spotify Audience Network, che consentirà agli inserzionisti di raggiungere gli ascoltatori attraverso gli audio originali e esclusivi di Spotify, nonché i podcast tramite Megaphone e lo strumento di creazione Anchor, e la sua musica supportata da pubblicità.
Inoltre, Spotify prevede di offrire podcast sulla sua piattaforma pubblicitaria self-service, Spotify Ad Studio, a partire da Spotify Originals ed Exclusives negli Stati Uniti, in una fase di beta test.

spotify ad studio

Attualmente, Spotify Ad Studio viene utilizzato da inserzionisti in 22 mercati per raggiungere gli ascoltatori con pubblicità sia audio che video.
Pur senza fornire cifre precise, la società ha affermato che si tratta del canale di acquisto in più rapida crescita.

La società svedese ha anche parlato di come la sua recente acquisizione di Megaphone gli avrebbe consentito di potenziare la sua tecnologia di inserimento di annunci in streaming, lanciata all’inizio del 2020, agli editori oltre ai propri programmi audio originali ed esclusivi. Ad oggi questa tecnologia è disponibile negli Stati Uniti, Canada, Germania e Regno Unito e si espanderà in altri nuovi mercati nel 2021.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php