Home Soluzioni Smart Home Smart home, come Kraftful vuole migliorare la user experience

Smart home, come Kraftful vuole migliorare la user experience

Kraftful ha sviluppato una soluzione di analytics focalizzata in modo specifico sull’uso dei dispositivi hardware connessi per la smart home.

L’obiettivo del team di Kraftful – startup fondata da ex di Apple, Slack, Facebook e IFTTT – è quello di aiutare i produttori attivi nel settore della smart home e dell’IoT a ottenere una migliore usabilità per i prodotti e gli accessori connessi.

Negli ultimi anni – sottolinea la startup –, l’adozione della smart home è stata trainata principalmente dagli smart speaker. A questi, in molte case si sono aggiunti anche altri prodotti connessi, come luci, termostati e campanelli smart.

Gli utenti finali possono ora scegliere tra oltre 100mila prodotti connessi diversi, offerti da migliaia di marche: e le possibilità di scelta continuano a crescere.

Tuttavia, secondo i fondatori di Kraftful, le interfacce utente che vengono fornite con questi prodotti tendono ad essere usabili solo da parte degli early adopter della tecnologa.

Di conseguenza, la maggior parte delle app per la smart home presenta meno di tre stelle negli app store e molti prodotti vengono restituiti perché gli utenti non riescono a comprendere l’utilizzo dell’app.

L’opportunità – e l’obiettivo – del team di Kraftful è quella di rendere questi prodotti connessi utilizzabili in modo semplice da tutti gli utenti, che siano esperti di tecnologia o meno.

Kraftful ritiene che la maggior parte delle aziende che costruiscono prodotti per la smart home non hanno esperienza nell’ottimizzare le interfacce digitali sulla base delle interazioni degli utenti.

Smart home Kraftful

Nella vision della startup, le interfacce per i prodotti connessi dovrebbero essere off-the-shelf e la user experience dovrebbe essere costantemente migliorata. Ed è al raggiungimento di questo scopo che Kraftful pensa di poter contribuire.

Il modo in cui Kraftful intende perseguire il suo obiettivo è attraverso la standardizzazione della user experience.

Il punto di vista di Kraftful è che, siccome la tecnologia della smart home sta diventando mainstream, l’intero settore sta iniziando a capire il bisogno di standardizzazione per rendere i prodotti utili e usabili da più persone.

Google, Amazon, Apple e molte altre aziende si sono unite per standardizzare il modo in cui i dispositivi per la smart home comunicano tra loro nell’ambito del progetto Connected Home over IP, poi divenuto Matter.

Ma, secondo Kraftful, questo sforzo non standardizzerà il touchpoint più critico per gli utenti finali: la user interface.

Una user experience standardizzata – è il parere di Kraftful –, funziona particolarmente bene per i prodotti per la smart home. Poiché, a differenza dei social media o dei giochi, un’app per la smart home non viene usata più ore al giorno. E questi prodotti sono per lo più set-it-and-forget-it.

Quindi, gli utenti non hanno tempo per imparare nuove interazioni nell’app o nell’interfaccia vocale. Hanno invece bisogno di essere istantaneamente in grado di capire come realizzare un task senza dover esplorare troppo l’interfaccia.

Il rischio è che tra i milioni di prodotti venduti, solo una piccola percentuale di consumatori finisca per usarli come dispositivi connessi, perché l’esperienza è troppo complicata.

Kraftful vuole cambiare tutto questo con un approccio scalabile e iterativo all’ottimizzazione della user experience.

A questo scopo, la product analytics è fondamentale per rendere il prodotto usabile e piacevole.

Tramite la product analytics, Kraftful vuole aiutare i produttori del settore della smart home a capire dove gli utenti trovano difficoltà. Nonché a imparare come gli utenti connettono e utilizzano il dispositivo e analizzare quali funzioni sono quelle più usate.

In definitiva, a ottenere insight su come aiutare gli utenti con una user experience più semplice e gratificante.

Ed è così che Kraftful vuole aiutare le aziende a progettare e produrre prodotti migliori per la smart home e l’IoT.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php