Home Digitale Casaleggio Associati: cosa è oggi una smart company

Casaleggio Associati: cosa è oggi una smart company

Casaleggio Associati ha realizzato la ricerca Smart Company. L’evoluzione dell’azienda con la quarta rivoluzione industriale.

Le smart company sono aziende che utilizzano le tecnologie esponenziali (tecnologia che in uguali periodi raddoppia in capacità o prestazioni, oppure dimezza i costi di un’attività o di un’operazione) per reinventare il proprio modello di business e rimanere sul mercato.

Ci sono alcuni esempi di smart company a cui ormai siamo abituati come Amazon, Netflix o Google. Ma ce ne sono molti altri che dimostrano che tutte le aziende possono diventare Smart. Come la Lemonade Insurance che ha automatizzato tutti i processi assicurativi cambiando il modello di business dell’assicurazione. O Peloton che ha rivoluzionato il mondo dell’indoor Cycling passando dalla vendita di una cyclette alla proposta di una vera esperienza di fitness.

Secondo le stime il mercato dell’intelligenza artificiale nel 2018 valeva circa 20,7 miliardi di dollari e nel 2026 sarà 202,6 miliardi di dollari. Nel 2035 si valuta che avrà un impatto sulla produttività italiana del 12 per cento e in alcuni Paesi raggiungerà il 40 per cento.

La blockchain avrà un valore di mercato nel 2024 di 60,7 milioni di dollari e entro il 2027 il 10 per cento del PIL globale sarà basato su almeno un processo basato sulla blockchain. Il Global Revenue dell’IoT nel 2021raggiungerà 520 miliardi di dollari con una crescita del 121 per cento rispetto al 2017.

Le connessioni 5G passeranno da 5 milioni del 2019 a 2, 6 miliardi nel 2025. In Italia gli operatori dovranno spendere circa 25 miliardi entro il 2025 per un ritorno pari allo 0,3 per cento del Pil l’anno per 15 anni dal 2020 (circa 6 miliardi l’anno).

Oltre 4 milioni di robot saranno presenti in più di 50.000 magazzini in tutto il mondo e la collaborazione tra robot e umani si stima possa aumentare l’efficienza nella produzione dell’85 per cento.

Nelle smart company la capitalizzazione per dipendente è significativamente più alta della media del settore. Nel 2018 le tre maggiori aziende della Silicon Valley per capitalizzazione (Microsoft, Apple, Amazon) contano circa 2.234 miliardi di dollari di market cap (100% in più del 2014) e impiegano oltre 900 mila dipendenti.

Tra le aziende con il più alto market value per employee troviamo Facebook (17,7 milioni) che nel 2012 ha acquisito Instagram e i suoi 67 dipendenti per 1 miliardi di dollari con una valutazione di 24,6 milioni per dipendente. Amazon nel 2019 vedrà una crescita del 40 per cento del market cap, mentre Yoox del 40 per cento.

Molte aziende smart, inoltre, non hanno asset fisici e nella maggior parte dei casi questo aspetto è una parte peculiare del successo. Basti pensare a Uber o FreeNow (My taxi) che non possiedono mezzi propri, BlaBlaCar, che è una community di autisti o Airbnb, il più grande albergo al mondo che non possiede neanche una camera.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php