Home Prodotti Sicurezza Sicurezza con Google: cosa cambia e come proteggersi al meglio

Sicurezza con Google: cosa cambia e come proteggersi al meglio

Ultimamente, sulla spinta della conferenza per sviluppatori Google I/O 2021, la società di Mountain View ha presentato numerose novità tecnologiche e di prodotto: ma c’è un aspetto che sottende ormai qualsiasi implementazione informatica e che non sempre conquista i favori dei riflettori ai grandi eventi: la sicurezza.

In questo caso, in realtà, la stessa Google ha dato ampio spazio ai temi importanti legati a sicurezza, privacy, conformità: che sia per l’introduzione del nuovo sistema operativo mobile Android 12 o per il futuro della collaboration che sta prendendo vita in Google Workspace o, ancora, nel lavoro di sviluppo e ricerca svolto per innovare e ottenere risultati nelle nuove frontiere dell’informatica, intelligenza artificiale e quantum computing.

Vale allora la pena vedere più da vicino come Google sta potenziando in concreto la sicurezza sulla sua intera piattaforma.

Google sicurezza

Innanzitutto, con l’opzione Quick delete in Search. L’azienda sta introducendo una nuova opzione di per cancellare gli ultimi 15 minuti della cronologia di ricerca con un solo tocco dal menu dell’account Google.

Poi, con il Locked Folder, una nuova funzione in Google Photos che funge da spazio protetto da un codice di accesso, dove le foto selezionate possono essere salvate separatamente. Queste foto non appariranno quando si scorre la griglia o negli album condivisi. Tale funzione è in arrivo prima sui Google Pixel e su altri dispositivi Android nel corso dell’anno.

Inoltre, quando l’utente vede luoghi che ha visitato nella Timeline, Google ricorderà che è perché ha attivato la Cronologia delle località, che può essere facilmente disattivata proprio lì nella Timeline.

Uno dei maggiori rischi per la sicurezza, ha sottolineato Google, è ancora la continua dipendenza dalle password: sono spesso facili da decifrare, utilizzate su più siti o rubate negli attacchi di phishing. Per questo Google lavora per un futuro senza password, concentrandosi su modi più sicuri per autenticare l’identità e costruendo più livelli di protezione per l’account Google, come l’iscrizione automatica alla verifica in due passaggi.

Ma poiché le password sono ancora necessarie per la maggior parte degli account online, Google ha anche continuato a migliorare Password Manager, integrato direttamente in Chrome, Android e ora iOS, per aiutare l’utente a creare, ricordare, salvare e riempire automaticamente le password sul web.

Google ha introdotto nuovi miglioramenti in Password Manager, tra cui innanzitutto un nuovo strumento che rende facile importare le password da altri password manager. Poi, con integrazioni più profonde con Chrome e Android per inserire senza problemi le password in tutti i siti e le app, indipendentemente dal fatto che l’utente sia sul desktop o sul cellulare.

I Password Alerts avvisano automaticamente l’utente se Google rileva che una delle sue password salvate è stata compromessa da una violazione di terze parti.

Google sicurezza

Inoltre, c’è un nuovo modo smart per correggere le password compromesse in Chrome con un semplice tocco. Per i siti e le app supportate, ogni volta che Password Manager trova una password che potrebbe essere stata compromessa, l’utente vedrà un pulsante che suggerisce di cambiarla da Assistant.

Quando si tocca il pulsante, l’assistente non solo naviga verso il sito, ma passa anche attraverso l’intero processo di modifica della password. Questa funzione è disponibile sui dispositivi Android e in futuro sarà estesa ad altri siti e applicazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php