Home Cloud Google I/O, in Workspace va in scena il futuro della collaboration

Google I/O, in Workspace va in scena il futuro della collaboration

In occasione dell’evento online Google I/O 2021, debutta smart canvas, una nuova esperienza che offre agli utenti la prossima evoluzione della collaboration per Google Workspace.

Questa nuova esperienza più interattiva e smart dello spazio di lavoro digitale è caratterizzata da una serie di innovazioni e aggiornamenti che saranno cadenzati, ha annunciato Google, da qui alla fine dell’anno.

Innovazioni progettate per rendere più facile per le persone rimanere connessi, ottimizzare il tempo, focalizzare l’attenzione e trasformare le idee in valore.

In particolare, l’attenzione del team di Google Workspace è stata indirizzata nel migliorare le app che centinaia di milioni di persone usano ogni giorno, come Docs, Sheets e Slides, per renderle ancora più flessibili, interattive e intelligenti.

Con smart canvas, l’obiettivo di Google è quello di trasformare la collaborazione in un’esperienza più ricca e migliore in Google Workspace.

Ad esempio, sulla base della funzione @mentions che gli utenti già usano quotidianamente, il team di Google sta aprendo nuove e più potenti capacità di collaborazione. Nuovi building block interattivi, smart chip, template e liste di controllo, collegheranno persone, contenuti ed eventi in un’esperienza senza soluzione di continuità.

Google

Quando si cita una persona in un documento, uno smart chip mostra informazioni aggiuntive come la posizione della persona, il titolo di lavoro e le informazioni di contatto. Ora ci sono nuovi smart chip in Docs per i file consigliati e le riunioni. Per inserire gli smart chip nel proprio lavoro, basta digitare “@” per vedere un elenco di persone, file e riunioni raccomandate.

Dal web o dal cellulare, i collaboratori possono quindi scorrere rapidamente le riunioni e le persone associate o visualizzare in anteprima i documenti collegati, il tutto senza cambiare scheda o contesto. Gli smart chip arriveranno su Sheets nei prossimi mesi.

Inoltre, in Docs ora le liste di controllo sono disponibili su web e mobile, e presto sarà possibile assegnare gli item delle checklist ad altre persone. Questi elementi verranno visualizzati in Google Tasks, rendendo più facile per tutti gestire la lista delle cose da fare di un progetto.

Google sta anche introducendo i template di tabella in Docs. E un nuovo modello di documento per catturare le note della riunione importerà automaticamente tutte le informazioni rilevanti da un invito al meeting di Calendar, compresi gli smart chip per i partecipanti e i file allegati.

Google

Con il nuovo formato pageless in Docs, gli utenti potranno superare i limiti di una pagina per creare una superficie che si espande su qualsiasi dispositivo o schermo si stia utilizzando, rendendo più facile lavorare con ampie tabelle, immagini di grandi dimensioni o feedback dettagliati. Se poi si desidera stampare o convertire in PDF, si potrà tornare facilmente a una visualizzazione paginata.

Gli utenti saranno in grado di commutare tra nuove viste in Sheets per gestire meglio e interagire con i dati sul web e sul cellulare. Il primo lancio sarà una vista temporale che rende il monitoraggio delle attività più facile e veloce. L’uso di una timeline dinamica e interattiva, sottolinea Google, rafforza la capacità di gestire lavori come le campagne di marketing, le milestone del progetto, i programmi e le collaborazioni tra team.

Google Workspace

Lo smart canvas e le innovazioni di Google Meet renderanno più coinvolgente e fluida l’esperienza di collaborazione del team, per aiutare le persone a condividere idee e risolvere problemi insieme da qualsiasi luogo. Il team di Google Workspace, a questo scopo, sta costruendo integrazioni più strette tra gli strumenti di comunicazione e collaborazione.

Arriva la possibilità di presentare i contenuti a una call di Google Meet sul web direttamente dal documento, foglio di calcolo o dispositiva su cui si sta lavorando con il proprio team. Passare dalla collaboration in un documento a una conversazione dal vivo senza soluzione di continuità aiuta il progetto a procedere più rapidamente e il team a rimanere concentrato.

Google Workspace

In autunno, ha annunciato Google, Meet verrà portato direttamente in Docs, Sheets e Slides sul web, così le persone potranno effettivamente vedersi e sentirsi mentre collaborano.

I sottotitoli e le traduzioni dal vivo in Google Meet giocheranno anch’essi un ruolo cruciale nel mantenere le persone connesse mentre lavorano insieme in team distribuiti. Attualmente Google offre sottotitoli dal vivo in cinque lingue, e altre sono in arrivo. Inoltre la società di Mountain View introdurrà le traduzioni dal vivo dei sottotitoli nel corso di quest’anno, iniziando con la lingua inglese tradotta in spagnolo, portoghese, francese o tedesco, con molte altre lingue a seguire.

I team possono ora passare da una conversazione in Google Chat direttamente a creare contenuti insieme. La creazione e la modifica di fogli di lavoro e documenti dalle stanze di Google Chat è già attiva nella esperienza web, e verrà abilitata per le diapositive nelle prossime settimane. E per valutare le reazioni del team sul procedere del lavoro, sono in fase di rilascio le reazioni emoji in Docs, nei prossimi mesi.

Nuovi rilasci aggiungeranno più funzionalità di analisi assistita nella esperienza web di Sheets, con suggerimenti di formule che rendono più facile per tutti, non solo per gli analisti, ricavare insight dai dati.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php