Home Digitale Secrets management: come proteggere e gestire i segreti aziendali

Secrets management: come proteggere e gestire i segreti aziendali

1Password Secrets Automation è la nuova soluzione per proteggere, orchestrare e gestire i segreti dell’infrastruttura IT della propria azienda, sviluppata dalla società del noto password manager, che in questo modo si espande all’ambito del secrets management.

Quello del secrets management è un tema al momento molto sentito dai team IT e DevOps delle aziende. Con questa definizione si intende in genere descrivere gli strumenti e i metodi per gestire e proteggere le credenziali d’accesso, le password e le altre informazioni digitali riservate e segrete (i secret, per l’appunto) dell’infrastruttura It di un’azienda.

Con l’aggiunta di Secrets Automation al suo portfolio, 1Password potenzia la sua offerta business e si propone come soluzione di secrets management completa, per proteggere tutti i segreti aziendali in un unico posto.

In base al feedback ricevuto in relazione al secrets management, ha evidenziato l’azienda, molti dei suoi clienti stavano già memorizzando tutti i loro segreti, compresi quelli dell’infrastruttura, in 1Password. Avevano però l’esigenza di un modo per portare questi segreti della loro infrastruttura alle macchine e ai servizi che ne hanno bisogno.

1Password ha sviluppato Secrets Automation per affrontare proprio queste sfide, per fornire i segreti dell’infrastruttura quando e dove sono necessari.

1Password

Con 1Password Secrets Automation i token, le credenziali e altri segreti sono completamente criptati, con la stessa sicurezza del gestore di password aziendale 1Password.

1Password Secrets Automation fa da single source of truth. Con tutti i segreti in un unico posto, l’azienda ha una visibilità e una verificabilità complete in un modo impossibile da avere quando i segreti sono sparsi su più servizi.

Inoltre, la soluzione offre un controllo dell’accesso granulare. Quando i controlli di accesso sono troppo ampi, le aziende devono ricorrere a impostazioni di autorizzazione troppo restrittive (che compromettono la produttività) o troppo permissive (che compromettono la sicurezza).

Il tutto con l’usabilità di 1Password. Secondo la società sviluppatrice, una migliore esperienza significa una maggiore adozione, e una maggiore adozione significa una migliore sicurezza. Inoltre, aggiunge 1Password, anche gli sviluppatori meritano una buona esperienza utente.

Secrets Automation si integra poi con strumenti esistenti come HashiCorp Vault, Terraform, Kubernetes e Ansible, con altre integrazioni in arrivo. Ci sono anche librerie client pronte all’uso in Go, Node e Python.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php