Sanità 2.0: la digitalizzazione della cartella clinica da sola non basta

L’ha capito l’Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate che, con Vem Sistemi e lo storage NetApp, punta a garantire continuità del business e sicurezza del dato.

È un datacenter da premio quello implementato da Vem Sistemi con tecnologia NetApp all’interno dell’Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate aggiudicatasi, in occasione di Smau 2013, il primo premio nella categoria Infrastrutture It.

Attenta a soddisfare, in questi ultimi anni, i requisiti di spending review a cui le strutture sanitarie sono sempre più sottoposte guadagnando, al contempo, in efficienza e produttività, per l’Azienda Ospedaliera di cui Giovanni Delgrossi è direttore dei sistemi informativi, si è tratto di muovere verso una completa dematerializzazione dei documenti clinici.

Da qui la digitalizzazione di tutti i referti, le immagini radiologiche e l’intera cartella clinica del paziente per una migliore gestione e consultazione dei dati e delle informazioni utili al personale ospedaliero chiamato a fornire con prontezza ed efficienza cure e servizi di qualità.

Non senza attuare, con l’ausilio di Vem Sistemi, un oculato progetto di consolidamento e rinnovo tecnologico che, basato sullo storage a marchio NetApp, ha consentito di sostituire l’infrastruttura It precedente costituita da tre datacenter posizionati nei presidi ospedalieri di Vimercate, Desio e Carate Brianza in cui erano presenti 10 server fisici per un totale di circa 300 macchine virtuali.

Al loro posto si è scelto di realizzare due datacenter “gemelli” situati in altrettante strutture fisiche distinte nel presidio ospedaliero principale di Vimercate.
In questo modo, mentre sui circa 30 server fisici continua a lavorare un totale di 300 macchine virtuali, il nuovo sistema di archiviazione implementato garantisce la piena continuità operativa anche a fronte di indisponibilità parziale o totale di una delle due sale “gemelle”.
Grazie a una Storage area network aggiuntiva dedicata alle copie di sicurezza e dislocata fisicamente presso un differente presidio ospedaliero è stato, inoltre, possibile implementare nuove tecnologie per la deduplica e compressione dei dati in aggiunta all’implementazione di nuovi protocolli per l’accesso alle informazioni utili anche a razionalizzare l’attività di manutenzione a carico della funzione It.

Il tutto finalizzato a garantire il massimo livello possibile di continuità operativa risparmiando sui costi legati alla manutenzione e agli investimenti in nuovo hardware, grazie alla riduzione del numero di server fisici e alla scalabilità di un’infrastruttura in grado di garantire un livello di servizio 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per 365 giorni all’anno ai circa 3.100 dipendenti diversamente impegnati anche nei presidi ospedalieri di Carate Brianza, Giussano e Seregno.

Ne sanno qualcosa gli oltre 500 medici e 1.600 infermieri della struttura costruita nel 1998 e oggi chiamata a gestire quotidianamente e in tempo reale l’inquadramento clinico medico e infermieristico, i diari, le prescrizioni e somministrazioni di farmacoterapie, la pianificazione e rilevazione di parametri vitali e di bisogni assistenziali di 800 pazienti al giorno.

Gli stessi gestiti in modalità completamente digitalizzata grazie a un’infrastruttura tecnologica che, già oggi, consente di offrire servizi applicativi ad altre Aziende Ospedaliere in ottica di “Cloud privato interaziendale”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here