Produttività, piattaforme, interoperabilità: ecco il mantra di Satya Nadella

In una lunga lettera a tutti i dipendenti della società, il Ceo traccia le linee guida della nuova Microsoft.

Il vento in Microsoft è cambiato. La lettera che il nuovo CEO del colosso di Redmond, Satya Nadella,
ha inviato ai 130.000 dipendenti dell'azienda è la conferma di una
decisa virata rispetto alla rotta in precedenza battuta dal timoniere
Steve Ballmer.
Il predecessore di Nadella aveva puntato sulla strategia "devices and services"
descrivendo Microsoft come una società impegnata, ad esempio, sia sui
dispositivi hardware come il tablet Surface, sia sui servizi in
abbonamento come Office 365.

Nella sua missiva, Nadella ha fatto un paio di volte riferimento ai termini "devices and services" con l'intento, però, di prenderne platealmente le distanze.
"Dobbiamo lavorare su una nostra strategia univoca",
ha scritto spiegando che sebbene l'impostazione di Ballmer abbia dato
certamente il via all'indispensabile trasformazione di Microsoft, è
giunta l'ora di voltare decisamente pagina.

Nel memorandum
firmato da Nadella - che inizialmente avrebbe dovuto essere diffuso
internamente all'azienda ma che poi è stato pubblicato online sul sito
ufficiale di Microsoft (vedere questa pagina) - l'amministratore delegato del gigante fondato da Bill Gates usa i termini "productivity and platforms" in luogo di "devices and services".

Secondo
il CEO di Microsoft, la sua azienda non deve più guardare
prevalentemente ad una sola piattaforma (i.e. Windows) ma deve spaziare
su quelle della concorrenza. I prodotti Microsoft, insomma,
debbono funzionare allo stesso modo indipendentemente dalla piattaforma
ed in maniera interoperabile
.
È questo il primo messaggio
che lancia Nadella anche se, a ben guardare, non si tratta di nulla di
nuovo visto che il concetto era stato già rimarcato nei mesi scorsi.

Microsoft, inoltre, deve saper realizzare le migliori soluzioni per la produttività e calvacare abilmente le opportunità di business offerte dal paradigma "cloud", della più totale mobilità.

"Mobile-first" e "Cloud-first" è il mantra di Nadella: "produttività
per noi non significa solo documenti, fogli elettronici e slide.
Ripenseremo il concetto di produttività per gli utenti che oggi si
trovano a nuotare un mare di dispositivi, app, dati e social network
".

Microsoft non sarà un'azienda vocata solamente alle soluzioni enterprise: "penseremo
a ciascun nostro utente in una doppia veste; alle persone che
utilizzano la tecnologia sul lavoro o a scuola e, contemporaneamente, ne
fanno largo uso nella vita privata
", scrive Nadella.

Microsoft
continuerà a trarre profitto dai suoi clienti enterprise (Azure e
Windows Server vengono adeguatamente "celebrati") ma, allo stesso tempo,
Nadella esprime chiaramente la volontà di non abbandonare le piccole e
medie imprese così come il mondo consumer sgombrando anche il campo dal
ventilato accantonamento del progetto Xbox.

Nadella ha posto l'accento, più volte, sul concetto di "esperienza" che - nella nuova filosofia di Microsoft - farà sempre più coppia con "lavoro". Infine, un apprezzamento per Skype Translator il traduttore simultaneo che, secondo Nadella, "cambierà il mondo".

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here