Home Apps PicMonkey, il fotoritocco a portata di mano

PicMonkey, il fotoritocco a portata di mano

Le 30 applicazioni essenziali

Orientarsi nel mare di app non è un’impresa facile. A volte addirittura così laboriosa da indurre a rinunciare anche quando si parla di un’esigenza di lavoro. Eppure, a differenza di quelle per giocare o per il tempo libero, trovare le soluzioni giuste per la propria aziende è un’operazione ormai imprescindibile per garantire la flessibilità e la reattività dettate dagli scenari attuali. Per questo, abbiamo pensato di passare in rassegna i cataloghi di app alla ricerca di trenta tra le quali trovare l’insieme ristretto ma indispensabile per la propria azienda.

Modificare un’immagine per renderla più accattivante o solamente correggere alcune imperfezioni non è un’esigenza sentita solo di grafici. È un’operazione ormai comune, per la quale però non sempre è indispensabile affidarsi a costi e complessi programmi professionali. Per esigenze di ordinaria amministrazione, PicMonkey è una soluzione tra le più apprezzate.

L’idea dell’app è infatti essere comunque in grado di soddisfare anche esigenze di alto livello, pur restando gestibile senza difficoltà anche dai meno esperti. In ogni caso, si potrà ambire a creare immagini dal buon impatto, utili per promuovere il proprio marchio personale o aziendale.

Creatività tra le nuvole

Uno degli aspetti più innovativi di PicMonkey è la possibilità di operare quasi esclusivamente online. Quindi, all’occorrenza, anche con maggiore flessibilità per i dispositivi utilizzati. Inoltre, per un utilizzo sporadico o per prendere solo le misure del software, si può sperimentare il periodo di prova gratuito per il quale è richiesta solo la registrazione.

L’app mette a disposizione quattro modalità di lavoro. Per tutte si possono caricare immagini dal propri computer o smartphone, ma anche direttamente da un social network o da un servizio cloud.

Oltre al classico Edit per i ritocchi più semplici, anche Touch Up, Design e Collage. Dai rispettivi pannelli di controllo, si accede a una serie di operazioni. Dalle semplici regolazioni ai ritocchi più dettagliati, fino alle composizioni più articolate, non serve molto prima di prendere confidenza con l’app.

Immagini a regola d’arte

Per esempio, dopo aver sfruttato Edit per aggiustare l’immagine nel suo insieme, ritagliarla o ridimensionarla, Touch Up può tornare utile per lavorare più nel dettaglio, come ritoccare i tratti di un volto. Subito dopo, sarà la volta di inserire eventuali oggetti grafici o dei testi, e completare il lavoro.

Per chi è pronto a spingersi oltre, la versione a pagamento di PicMonkey parte con un canone di 10,99 euro al mese, con uno spazio cloud di 1 GB e un insieme limitato di funzionalità. La versione completa costa invece 16,99 euro al mese, mentre per quella aziendale con gli strumenti di collaborazione, edit simultaneo e strumenti di ricerca si sale a 29 euro al mese,

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php