<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1126676760698405&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Digitale Meta Quest Pro: la realtà virtuale e per il lavoro e la...

Meta Quest Pro: la realtà virtuale e per il lavoro e la collaborazione

In occasione di Meta Connect 2022 la società di Mark Zuckerberg ha annunciato Meta Quest Pro, un dispositivo VR avanzato per la collaborazione e la creazione di contenuti.

Meta Quest Pro è il primo dispositivo della nuova linea di fascia alta dell’azienda: è dotato di funzioni innovative, come sensori ad alta risoluzione, che garantiscono ottime esperienze di realtà mista, display LCD per immagini nitide, un design completamente nuovo e più elegante, oltre a un sistema di tracking degli occhi e delle espressioni naturali del viso che permetterà all’avatar di rappresentare l’utente in modo ancora più naturale in VR.

Meta Quest Pro sarà in vendita dal 25 ottobre al prezzo di 1.799,99 euro, comprensivo di visore, controller Meta Quest Touch Pro, punte dello stilo, inserto parziale per bloccare la luce e base di ricarica. A partire da oggi è possibile prenotare Meta Quest Pro presso il Meta Store, in tutti i Paesi in cui i prodotti Meta Quest sono supportati – tra questi l’Italia – e  in alcuni rivenditori selezionati: Best Buy negli Stati Uniti e in Canada, Argos e Currys nel Regno Unito e FNAC e Boulanger in Francia. È inoltre possibile prenotarli su Amazon negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Canada e in Francia.

Nella visione di Meta, i dispositivi VR contribuiranno a inaugurare la prossima piattaforma informatica, diventando onnipresenti come lo sono oggi i computer portatili e i tablet, e che le persone li utilizzeranno nella vita quotidiana per accedere al metaverso. Con le sue tecnologie all’avanguardia, Meta Quest Pro rappresenta un passo in avanti significativo verso questo futuro. L’azienda ha progettato questo visore con l’obiettivo di ampliare le possibilità della VR e della realtà mista.

Meta Quest Pro – sottolinea la società di Mark Zuckerberg – è il primo dispositivo al mondo che utilizza la nuova piattaforma Qualcomm Snapdragon XR2+, ottimizzata per la VR e in grado di funzionare con il 50% di potenza in più rispetto a Meta Quest 2, con una migliore dissipazione termica e prestazioni nettamente superiori. Ciascun Meta Quest Pro è dotato di 12 GB di RAM, 256 GB di memoria e 10 sensori ad alta risoluzione (cinque all’interno del visore e cinque all’esterno) che contribuiscono ad accrescere le possibilità di esperienze immersive.

Ottica di nuova generazione e realtà mista a colori

La VR si fonda sulle immagini e da questo punto di vista Meta Quest Pro offre numerosi miglioramenti rispetto a Meta Quest 2. Lo stack ottico completamente rinnovato di Meta Quest Pro sostituisce le lenti Fresnel di Meta Quest 2 con sottili ottiche pancake che riflettono la luce più volte, riducendo la profondità del modulo ottico del 40% e fornendo al contempo immagini chiare e nitide. I due display LCD utilizzano la tecnologia local dimming e quantum dot per colori più ricchi e vividi. La tecnologia di local dimming personalizzata di Meta, alimentata da un hardware di retroilluminazione specifico e da algoritmi software di supporto, è in grado di controllare più di 500 singoli blocchi LED in modo indipendente, offrendo ai display un contrasto superiore del 75%, afferma l’azienda.

Meta Quest Pro ha anche il 37% in più di pixel per pollice e il 10% in più di pixel per grado rispetto a Meta Quest 2, che consentono al dispositivo di migliorare l’aspetto di qualsiasi cosa, dalla lettura del testo ai giochi. Inoltre, la nitidezza visiva a tutto campo è migliorata del 25% nella porzione centrale del campo visivo, del 50% nella regione periferica e la gamma cromatica è 1,3 volte più ampia rispetto a Meta Quest 2.

Meta Quest Pro

Meta Quest Pro ha una nuova architettura di sensori con fotocamere ad alta risoluzione rivolte verso l’esterno che catturano 4 volte i pixel delle fotocamere esterne di Meta Quest 2, offrendo un’esperienza di realtà mista ad alta definizione e a colori. Su Meta Quest 2, pass-through consente di vedere il mondo esterno al dispositivo in bianco e nero. Con Meta Quest Pro, invece, è possibile visualizzare l’ambiente esterno a colori. Questo aiuta gli sviluppatori a creare esperienze di realtà mista più efficaci utilizzando la suite di strumenti Presence Platform.

Meta Quest Pro è dotato di pass-through stereoscopico per la realtà mista, che combina più viste del sensore e crea una visione naturale del mondo in 3D. Rispetto alle soluzioni di pass-through monoscopico, si ottiene un’esperienza di qualità superiore e più confortevole, con una migliore percezione della profondità e minori distorsioni visive sia per gli scenari di realtà mista a distanza ravvicinata che per quelli a scala ambiente.

La realtà mista su Meta Quest Pro consente di combinare l’ambiente reale con elementi virtuali in modo realistico, migliorando così la presenza sociale, la produttività e la collaborazione. Invece di essere confinati alle dimensioni della propria scrivania, si può creare un grande spazio di lavoro virtuale con più schermi sparsi intorno a noi, pur continuando a usare la nostra tastiera e il nostro mouse in applicazioni di produttività come Immersed. Oppure, ad esempio, i designer di mobili possono realizzare in tempo reale modelli 3D dettagliati lavorando insieme ad altre persone con Arkio e Gravity Sketch, e poi vedere come stanno nel salotto di casa. E con la comprensione delle scene e gli ancoraggi spaziali condivisi di Presence Platform, gli sviluppatori possono creare oggetti virtuali che interagiscono con lo spazio fisico, anche in esperienze nello stesso spazio in cui due o più persone possono giocare o lavorare insieme in VR mentre si trovano nello stesso spazio fisico.

Il nuovo design elegante di Meta Quest Pro

Grazie alle ottiche pancake e alla batteria a celle curve che si trova sul retro del visore, Meta Quest Pro è il dispositivo VR più sottile e bilanciato che Meta abbia mai realizzato: permette di concentrarsi sulle esperienze VR di alto livello invece che sulla vestibilità del dispositivo, sostiene l’azienda.

Meta Quest Pro è dotato di un meccanismo di regolazione continua della distanza tra le lenti, che consente di regolare le distanze interpupillari (IPD) tra 55 e 75 mm (una gamma più ampia rispetto a Meta Quest 2, che consente IPD tra 58 e 72 mm). I visori consentono inoltre di regolare la distanza delle lenti dagli occhi con una nuova ghiera per ottimizzare l’adattamento, il tracciamento del viso e l’esperienza visiva. In questo modo più persone possono regolare i visori in base alle loro esigenze.

Meta Quest Pro

Meta Quest Pro è stato progettato con un design aperto, che consente di utilizzare la visione periferica per essere sempre presenti nell’ambiente in cui ci si trova mentre si lavora in multitasking tra il mondo reale e quello virtuale. Se si desidera fare un’esperienza ancora più immersiva durante l’utilizzo di Meta Quest Pro, è possibile applicare gli inserti magnetici parziali per bloccare la luce presenti nella confezione. Per un’esperienza VR più tradizionale, è anche possibile acquistare gli attacchi integrali per l’inserto per bloccare la luce, quando verranno resi disponibili nel corso dell’anno.

I nuovi controller Meta Quest Touch Pro sono dotati anch’essi di un’importante novità: tre sensori integrati in ogni controller tracciano la loro posizione nello spazio 3D indipendentemente dal visore, offrendo una gamma completa di movimenti a 360 gradi. Questo garantisce un tracciamento stabile in tutte le applicazioni VR.

Meta Quest Pro

I controller sono stati riprogettati per essere più ergonomici e bilanciati, in modo da sembrare delle estensioni naturali delle mani. Sono inoltre dotati di un sistema aptico aggiornato che utilizza il nuovo sistema di tecnologia tattile TruTouch di Meta per fornire una gamma di feedback più ampia e precisa, nonché di batterie ricaricabili. Con il dock di ricarica e l’adattatore di alimentazione USB-C da 45W inclusi nella confezione di Meta Quest Pro, è possibile mantenere i visori e i controller sempre carichi e pronti all’uso.

Non è necessario possedere un Meta Quest Pro per sfruttare questi nuovi controller, perché i controller Touch Pro possono essere utilizzati anche con Meta Quest 2. È possibile acquistarne una coppia indipendente per 349,99 euro a partire da quest’anno.

Espressioni del viso più naturali per gli avatar

Che si lavori in un ufficio virtuale nelle Horizon Workroom di Meta, o che si trascorra del tempo con amici e parenti che non è possibile vedere di persona, è importante avere avatar che non solo somiglino alla persona, ma che possano muoversi ed esprimersi come farebbe l’utente nella vita reale. Grazie al tracking degli occhi e alle espressioni facciali, Meta Quest Pro migliora proprio questo aspetto.

metaverso

Meta ha realizzato le nuove funzioni di presenza sociale di Meta Quest Pro tenendo conto della privacy. Sia il tracking degli occhi che le espressioni facciali naturali sono disattivate per impostazione predefinita. Se si sceglie di attivarle, le immagini degli occhi e del viso rimangono nel visore, vengono eliminate dopo essere state elaborate e non vengono mai condivise con Meta o con app di terzi.

Le esperienze sociali su Meta Quest Pro non potranno che migliorare nel tempo, secondo l’azienda, man mano che un numero maggiore di sviluppatori realizzerà app in grado di supportare queste funzionalità con l’SDK Movement di Presence Platform, lanciato da Meta.

Accessori per Meta Quest Pro

Oltre ai nuovi visori e ai nuovi controller, ora è possibile prenotare una serie di accessori che possono migliorare l’esperienza di Meta Quest Pro.

Meta Quest Pro

  • Base di ricarica compatta Meta Quest Pro (99,99 euro, in uscita il 25 ottobre): questa base due-in-uno ricarica i controller Touch Pro e qualsiasi visore Meta Quest con connessione USB-C. È compreso un adattatore per l’alimentazione USB-C da 45W.
  • Inserto per bloccare la luce integrale Meta Quest Pro (49,99 euro, in uscita il 22 novembre): una maschera per il blocco integrale della luce che si collega facilmente a Meta Quest Pro per un’esperienza più coinvolgente.
  • Auricolari Meta Quest Pro VR (49,99 euro, in uscita il 25 ottobre): per eliminare i rumori di sottofondo e immergersi in un’esperienza audio ad alta fedeltà con una vestibilità personalizzata. Funzionano insieme agli accessori di blocco della luce. Gli auricolari separati, destro e sinistro, possono essere collegati ai due lati del visore, evitando così che i cavi si sovrappongano nel campo visivo.
  • Custodia Incase Meta Quest Pro (119,95 euro, in uscita il 25 ottobre): una custodia personalizzata con tasche interne per riporre in modo sicuro il Meta Quest Pro e i suoi accessori. Un involucro esterno leggero offre protezione quando si è in movimento.

Cosa implica Meta Quest Pro per Meta Quest 2

Meta Quest 2 non è destinato a scomparire, ha dichiarato la società di Mark Zuckerberg. La linea di dispositivi Meta Quest continuerà a esistere insieme a Meta Quest Pro come VR entry level e sono previsti numerosi contenuti e aggiornamenti per Meta Quest 2. Meta Quest Pro è anche perfettamente compatibile con il catalogo di Meta Quest 2, il che significa che è possibile avere a disposizione una vasta gamma di giochi immersivi e di esperienze di intrattenimento fin dal primo giorno. In futuro, alcune app avranno delle funzioni, come le espressioni naturali del volto, che saranno compatibili solo con i nuovi visori.

Infine, i contesti di utilizzo che si affermeranno con Meta Quest Pro aiuteranno Meta a definire le funzionalità e i contenuti da aggiungere alla sua linea di visori entry-level. Le due linee di prodotti si completeranno a vicenda e insieme contribuiranno a plasmare il futuro dei dispositivi VR di Meta in vista del metaverso.

Meta Quest Pro è un dispositivo VR e MR multifunzionale progettato per aiutare gli utenti a svolgere al meglio il proprio lavoro e a creare connessioni significative con le persone a cui tengono di più, fornendo al contempo un assaggio di ciò che i futuri dispositivi AR potrebbero essere in grado di fare. Il dispositivo non potrà che migliorare nel tempo, sostiene l’azienda, man mano che Meta investirà in nuove funzionalità e contenuti software e gli sviluppatori trasformeranno le possibilità in realtà con nuove esperienze alimentate da Presence Platform.

È ora possibile pre-ordinare Meta Quest Pro, e la data di uscita è prevista tra poche settimane. A partire dal 14 ottobre, per gli utenti di alcuni Paesi è possibile provare Meta Quest Pro di persona presso il Meta Store di Burlingame, in California, e in alcuni punti vendita selezionati presso i seguenti rivenditori: Best Buy negli Stati Uniti, Currys nel Regno Unito e FNAC e Boulanger in Francia. E chi partecipa a Adobe Max a Los Angeles dal 18 al 20 ottobre potrà toccare con mano Meta Quest Pro.

Leggi tutti i nostri articoli sul metaverso

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php