L’Oasis si concentra sulla gestione dei Web service

La commissione tecnica dell’organizzazione sta pianificando una rete di collaborazioni allo scopo di definire una serie di standard per l’utilizzo dell’architettura dei servizi Web e della tecnologia per l’amministrazione di risorse distribuite.

11 marzo 2003 Il World Wide Web Consortium (W3C) e la Distributed Management Task Force (Dmtf) affiancheranno l'Organization for the Advancement of Structured Information Standards (Oasis) nello sviluppo di metodologie comuni per l'utilizzo dell'architettura dei Web service e della tecnologia di gestione delle risorse distribuite.

La nuova commissione tecnica Web Sevices Distributed Management, che opererà sotto l'egida della stessa Oasis, unirà principalmente l'impegno delle tre organizzazioni sulla valutazione di argomenti e problemi connessi al mondo dei servizi Web, avvalendosi però anche del supporto di altre organizzazioni. La commissione sta programmando di basare la propria attività sul Common Information Model della Dmtf, per espanderlo fino a includere i Web service; la specifica Oasis Wsdm 1.0, secondo quanto sostiene Winston Bumpus, direttore del nuovo organo e responsabile degli standard di Novell, potrebbe così essere ufficializzata nel Gennaio del 2004. La commissione rimpiazza dunque la precedente Oasis Management Protocol Technical Committee, il cui impegno non copriva l'area della gestione dei servizi Web. All'interno della Wsdm figurano anche le aziende Bmc Software, Computer Associates, Hewlett-Packard, Hitachi , Ibm, Novell, Sun Microsystems e webMethods. Non ne farà parte, almeno per il momento, Microsoft, benché avesse già avuto un ruolo di rilievo nella precedente commissione. Da Redmond, d'altronde, non arrivano spiegazioni esaurienti in merito alla decisione di tenersi fuori dal gruppo: un comunicato dell'azienda riporta che, sebbene il Web services management sia un argomento di rilevante importanza, Microsoft ha semplicemente deciso di non fare il proprio ingresso all'interno della commissione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome