GDPR, da intelligenza artificiale e blockchain un patto per sicurezza e privacy

In un ambiente digitale in cui la maggior parte dei dati è immagazzinata da qualche parte, non vi è alcun reale incentivo a condividerli. Di conseguenza, le aziende stanno accumulando tonnellate di dati dei consumatori (vedi Google, Facebook, Alibaba, Baidu).

E le piattaforme di intelligenza artificiale aiutano a concentrare il potere nelle mani di quelle poche organizzazioni in grado di acquisire ed elaborare grandi quantità di dati. Poiché i sensori sono integrati in tutti i tipi di oggetti di uso quotidiano, dalle automobili collegate ai dispositivi attraverso l'internet degli oggetti, i dati dei consumatori saranno generati in modo esponenziale da questi dispositivi e memorizzati in banche dati centralizzate. Ci sarà una corsa alla proprietà di questi dati, sollevando ulteriori domande sulla nostra privacy, che con il recente caso Facebook sono state già poste.

Nel frattempo blockchain è sempre più accettata per consentire agli utenti di condividere informazioni e condurre transazioni liberamente, rapidamente e in modo sicuro, in forma anonima e senza timore che le loro informazioni vengano alterate senza essere rilevate.

Blockchain ha la capacità di fornire un livello di dati aperto, condiviso e decentralizzato in cui tutti gli stakeholder hanno accesso a questi dati. Si va dai comuni che possono analizzare i modelli di traffico e anche rilevare buche nelle strade, i produttori di automobili migliorare l'esperienza di guida, gli sviluppatori di applicazioni fornire servizi su richiesta, i fornitori di assicurazione offrire una copertura basata sull'uso, e gli operatori sanitari a destinazione di servizi localizzati a seconda dei profili demografici e modelli di utilizzo.

Patto d'acciaio fra Intelligenza artificiale e blockchain

In questo scenario Intelligenza artificiale e blockchain possono essere viste in opposizione, ma la loro combinazione può reinventare il modo di scambiare informazioni. L’intelligenza artificiale è in grado di digerire grandi quantità di dati da condividere attraverso la struttura decentralizzata della blockchain.

Invece di un'unica entità centralizzata che controlla dove vengono memorizzati i dati, le informazioni possono essere condivise attraverso i silos tradizionali. Inoltre, per coloro che sono interessati a chi può accedere ai propri dati, la catena di blocco alimentata dall'intelligenza artificiale può aprire la porta al decentramento dell'autenticazione.

L'internet of Things potrebbe portare verso questo cambiamento. Al momento, i dispositivi collegati come Amazon Echo, Alexa e altri assistenti personali intelligenti sono interessanti per i consumatori. Gli utenti di solito sacrificano la privacy per comodità, spesso trascurando alcune domande fondamentali come la raccolta dei dati, come sono protetti e altro. Con le violazioni dei dati di alto profilo come Yahoo, Equifax e Uber in aumento, un tema comune a tutti questi fallimenti è l'informazione dei clienti relativamente ai database centralizzati.

Blockchain può decentralizzare i dati degli utenti riducendo il numero di hacker o truffatori che cercano di sfruttare il sistema. Quando Ia e catena di blocco sono combinati, forniscono un forte scudo contro i cyberattacchi. Gli algoritmi di apprendimento automatico possono essere addestrati per creare modelli utente altamente personalizzati che consentono di rilevare rapidamente minacce e anomalie in tempo reale.

Verso il GDPR con intelligenza

Sulla base di questi modelli basati sull'Intelligenza artificiale, abbinati ad altre informazioni di verifica crittografate come i dati biometrici e di transazione, questi algoritmi possono continuamente imparare e adattarsi al comportamento di un utente, rafforzando così lo scudo di cybersicurezza.

Questi dati non vengono mai trasferiti o conservati in un repository primario. Invece, sono abbinati a un modello crittografato memorizzato localmente sul dispositivo di un utente. E questo fatto può incidere sulle tematiche che hanno a che fare con il GDPR.

Nel frattempo, i blocchi decentralizzati smantellano la vulnerabilità intrinseca dei database centralizzati, richiedendo agli aggressori informatici di sfidare non uno, ma diversi punti di accesso, rendendo esponenzialmente più difficile per gli hacker ottenere dati sensibili.

Le transazioni possono essere autorizzate accedendo a questi dati direttamente dalla catena del blocco da parti fidate attraverso un processo di verifica in più fasi. I dati memorizzati e condivisi su una catena di blocchi sono crittografati a tempo e non possono essere alterati da attori indesiderati.

L’intelligenza artificiale migliora la struttura della blockchain e insieme risolvono molte delle sfide che derivano dalla condivisione sicura delle informazioni sull'internet degli oggetti.

La prima fornisce analisi intelligenti e processi decisionali in tempo reale, mentre blockchain fornisce un registro decentralizzato di tutte le transazioni (che vengono condotte direttamente tra gli utenti), lontano dalla memorizzazione di qualsiasi informazione personale su un server centralizzato.
Ciò non solo aprirà la strada a misure di sicurezza più efficaci che, in ultima analisi, proteggeranno gli utenti da violazioni gravi, ma consentiranno loro anche di riprendere la proprietà e il controllo delle loro informazioni personali.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome