Intel rivede le stime al ribasso per colpa dell’Europa

La società rivede al ribasso le proprie stime per il secondo trimestre e dà la colpa al rallentamento sul mercato europeo.

9 giugno 2002 Sarebbe colpa del rallentamento della domanda di pc
in Europa se il secondo trimestre di Intel si dovesse chiudere con risultati
inferiori al previsto. E i 6,2 miliardi di dollari di fatturato annunciati
risultano essere un po' al di sotto rispetto a quella "forchetta" compresa tra i
6,5 e i 6,8 miliardi, fin'anche a toccare i 7 miliardi, attesi dalle diverse società di analisi. Senza contare che
ora sono rimasti solo i 20 giorni di giugno per raddrizzare una situazione effettivamente un
po' "compromessa".
Ma, a dire il vero, non di sola Europa vive Intel e in
realtà parte della responsabilità dei risultati annunciati è anche da attribuire
alla diversa composizione del mix di vendite. Nel trimestre, gli acquisti si
sarebbero orientati in modo più netto verso i meno costosi Celeron, invece che
verso i Pentium 4, decisamente più cari. Come risultato, ciascun pezzo venduto
comporta una minor contribuzione media al fatturato e agli utili.
Ciò che
però impensierisce gli analisti è il tempo necessario a far registrare un
ripresa significativa. Pare infatti che molti produttori di pc abbiano magazzini
sufficienti a soddisfare la domanda per le prossime dieci settimane, laddove la
media consigliata si aggira in genere intorno alle tre settimane.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome