Sul Q2 Intel mette le mani avanti

La scarsa ripresa degli investimenti in infrastrutture da parte delle corporate avrebbe spinto il Ceo del colosso statunitense ad annunciare un fatturato in diminuzione rispetto alle aspettative

A quanto pare, nonostante da più parti si sia
cominciato a parlare di ripresa nel mercato pc, gli investimenti in
infrastrutture da parte delle corporate restano deboli. Ne sa qualcosa Intel
che, per bocca del proprio Ceo, Craig Barrett, avrebbe annunciato - senza
peraltro fornire ulteriori dettagli - un secondo trimestre in flessione. Giusto
un mese fa il colosso statunitense aveva dichiarato di attendersi un fatturato
compreso tra i 6,4 e i 7 miliardi di dollari, rispetto ai 6,78 miliardi
registrati alla fine dei primi tre mesi del nuovo anno fiscale. E in assenza di
nuovi investimenti da parte delle società di grandi dimensioni, ben poco
sembra contare la forte spesa registrata nel comparto consumer in mercati
emergenti quali Cina, Europa dell'Est e America Latina. 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome