Dopo l’incidente di Uber, un pit stop per le driverless car

La polizia di Tempe in Arizona, dove è avvenuto l’incidente mortale di Uber, ha scagionato la driverless car.

Anche un autista in carne e ossa non avrebbe potuto evitare l’impatto con la donna uscita all’improvviso e travolta dalla vettura a guida autonoma.

Per far comprendere l'accaduto, riportiamo il video rilasciato dalla polizia di Tempe, avvertendo che la visione potrebbe recare disturbo.

Questo però non esula l'industria dell'auto a guida autonoma dall’affrontare un esame più attento dopo la morte del pedone. Nel frattempo Uber, che ha dichiarato di collaborare con la polizia, ha sospeso le prove dei suoi veicoli autotrasportanti a Phoenix, Pittsburgh, San Francisco e Toronto.

È la prima volta che un veicolo che si guida da solo uccide un pedone, e l'evento sta giàinducendo alcuni a interrogarsi sul ritmo con cui la tecnologia si sta muovendo. Oltre a Uber, decine di aziende, tra cui case automobilistiche affermate e piccole startup, si stanno affrettando a testare veicoli sperimentali auto-guidati e sistemi autonomi su strada.

Questi sforzi hanno ricevuto la benedizione dei governi locali perché la tecnologia sembra così promettente e perché un driver è di solito al volante come backup. Anche a Tempe era presente sul sedile anteriore un conducente di sicurezza che non è riuscito però a intervenire.

Driverless non ancora pronte

Anche se la guida automatica potrebbe salvare innumerevoli vite umane sulle strade, alcuni sostengono che la tecnologia viene utilizzata troppo rapidamente. In un momento in cui molti hanno lodato la tecnologia come pronta per la distribuzione su larga scala, "questa è una prova evidente che non è ancora il caso", dice Bryan Reimer, uno scienziato di ricerca al Mit che studia la guida automatizzata. "Fino a quando non comprenderemo meglio il collaudo e l'implementazione di questi sistemi, dovremo dedicare del tempo all'evoluzione della tecnologia".

Dopo quest'ultima battuta d'arresto, le autorità esamineranno con attenzione la tecnologia. Perché comunque sia l'incidente di Uber solleva interrogativi circa la capacità dei piloti di sicurezza di monitorare i sistemi in modo efficace, soprattutto dopo lunghe ore di test. Le ricerche condotte rafforzano questo punto e altri studi hanno dimostrato che è difficile stabilire comunicazioni tra i sistemi di auto-guida e i pedoni.

L'incidente si inserisce in un contesto che sembrava caratterizzato da rapidi progressi in materia di tecnologia di guida autonoma e dalla volontà di allentare le restrizioni legali. Waymo, una filiale di Alphabet, ha annunciato alla fine dello scorso anno che non avrebbe più utilizzato il conducente di sicurezza sui suoi veicoli lanciando un servizio di taxi driverless a Phoenix nel corso di quest'anno. E pochi giorni fa Waymo, Uber e altri avevano esortato il Congresso ad approvare una legislazione che avrebbe spianato la strada alle auto senza guidatore. L'incidente molto probabilmente rallenterà l'approvazione della legge.

Ci sono stati diversi incidenti che hanno coinvolto veicoli auto-guidati, tra cui un incidente in Florida nel maggio 2016 che ha coinvolto un Tesla Model S in modalità Autopilota che non è riuscito a vedere un camion di fronte sulla strada. L'autista della Tesla è mort. Gli investigatori federali hanno riscontrato che in molti di questi incidenti la tecnologia è difettosa, ma finora hanno resistito all'esigenza di applicare norme più severe o di interrompere del tutto i test.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome