In negativo il secondo giorno di Facebook

Il titolo chiude in calo dell’11% rispetto alla quotazione iniziale di venerdì. Quanto pesa la spinta emozionale?

Non è andata bene la seconda seduta in Borsa del titolo Facebook.
Spenti i riflettori, finito il clamore del debutto, è come se la realtà, o forse sarebbe più corretto dire il realismo, prendesse il sopravvento.

Così, nella seduta di ieri il titolo ha perso l'11% lasciando un po' di amaro in bocca ai sottoscrittori della prima ora.
Sul terreno sono rimasti 4,20 dollari per ciascuna azione, tanto che il titolo oggi è sceso dai 38 dollari del debutto agli attuali 34.03 dollari.

Va detto comunque che l'interesse continua a essere importante: anche se qualche investitore istituzionale, forse per compensare la sbornia dei giorni scorsi, sembrava guardare a titoli più consolidati, nondimeno sono stati scambiati 168 milioni di azioni, facendo di Facebook uno dei titoli più attivi alla Borsa di New York.

E se Forbes decide per la strada drastica e parla di flop tout court, qualche analista avanza comunque ipotesi interessanti: c'è un aspetto emozionale molto forte intorno al titolo del social network. E così come l'emozione e l'entusiasmo hanno accompagnato la settimana del roadshow, facendo lievitare il titolo, la stessa spinta emozionale, dopo una serie di valutazioni meno positive sull'azienda e sulle sue prospettive di sviluppo apparse nel fine settimana, ha spinto al ribasso il titolo nella seduta di lunedì.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here